Logo San Marino RTV

Legittima difesa: centrodestra torna compatto, M5S diviso ma vota sì

7 mar 2019
Legittima difesa: centrodestra torna compatto, M5S diviso ma vota sì
Legittima difesa: centrodestra torna compatto, M5S diviso ma vota sì - La legittima difesa passa a larghissima maggioranza alla Camera e dovrà tornare in Senato per il sì...
La legittima difesa passa a larghissima maggioranza alla Camera e dovrà tornare in Senato per il sì definitivo.

Nove articoli per la nuova norma, il cui cuore è subito all'articolo 1, laddove si afferma che la difesa è sempre legittima, e all'articolo 2 dove si esclude la punibilità per chi ha commesso il fatto, se ha agito in stato di “grave turbamento”. Grandi assenti i 5Stelle, sia dal dibattito sia alla votazione, 25 i deputati non in aula, nonostante la dichiarazione di voto favorevole.
Lega appoggiata con fervore da Forza Italia e Fratelli d'Italia, che hanno applaudito al “primo, vero provvedimento di centrodestra”.
Un provvedimento truffa, per coprire i fallimenti di un Paese in recessione, ha attaccato il Partito Democratico, che numeri alla mano ha mostrato come siano in calo i reati per rapine e furti in abitazioni e negozi, e che l'anno scorso è stato quello col minor numero di omicidi dall'unità d'Italia ad oggi. Per il Pd, Lega e Forza Italia difendono casi come quello dell'imprenditore che fece inginocchiare il ladro prima di sparargli a bruciapelo.

Francesca Biliotti

Nel video gli interventi alla Camera di Gianfranco Di Sarno (M5S); Flavio Di Muro (Lega); Alfredo Bazoli (Pd)