Logo San Marino RTV

La maggioranza si divide sulla flat tax: la Lega la vuole, il M5S ha molti dubbi

18 mar 2019
Matteo Salvini
Matteo Salvini
La flat tax torna a scaldare gli animi della maggioranza. La Lega vuole portarla avanti a tutti i costi ma il M5S frena.

Potrebbe diventare un altro argomento di scontro tra Lega e 5Stelle, quello della flat tax, uno dei provvedimenti bandiera del programma elettorale del partito di Matteo Salvini. Le simulazioni del ministero dell'Economia stimavano in quasi 60 miliardi il costo totale dell'intervento, ma secondo il ministro dell'Interno per dare un primo abbattimento fiscale alle famiglie, le cifre sarebbero decisamente più basse, tra i 12 e i 15 miliardi. “E' una promessa che non si può mantenere – ha subito tagliato corto la ministra per il Sud Barbara Lezzi – deve rimanere fermo il principio costituzionale di progressività”. Per la Lega invece la flat tax è nel programma di governo e va attuata. Intanto inizia alla Camera la discussione generale sul cosiddetto “decretone” che introduce reddito di cittadinanza e quota 100 per la pensione anticipata. Il governo potrebbe anche ricorrere alla fiducia in vista delle elezioni regionali in Basilicata, dove si voterà domenica. Dopo l'ok, non senza qualche intoppo, dalle delle commissioni Affari sociali e Lavoro, il provvedimento è alla Camera ma dovrà tornare al Senato per l'approvazione definitiva, entro il 29 marzo.
Sul fronte dell'opposizione, il Pd nella sua assemblea ha ufficialmente nominato segretario Nicola Zingaretti, già vincitore alle primarie. Paolo Gentiloni è stato acclamato presidente. Zingaretti punta al sorpasso del M5S alle europee, e per farlo dovrà recuperare tantissimo elettorato perso per strada. “Il vero avversario è Salvini”, ha detto, lanciando poi la sua idea di partito.
Secondo il neo segretario l'isolamento del Pd lo ha portato al 18%, dunque servono vere alleanze di centrosinistra civiche, ha detto, bisogna essere laici e costruttivi.

Francesca Biliotti

Nel video l'intervento di Nicola Zingaretti segretario del Partito Democratico