Logo San Marino RTV

Maltempo: massima allerta in Romagna

Le acque del Marecchia hanno divelto le briglie di contenimento a Ponte Verucchio. Il fiume Savio è esondato. Domani a Cesena chiuse tutte le scuole. Alcune famiglie, nell'entroterra, sono rimaste isolate.

13 mag 2019
Maltempo: massima allerta in Romagna
Maltempo: massima allerta in Romagna

Le acque impetuose del Marecchia hanno provocato il cedimento a Ponte Verucchio di una briglia di rallentamento. Tra le 8,30 e le 9 l'infrastruttura è stata divelta dalla forza del fiume, gonfiato dalle piogge persistenti, fin da ieri pomeriggio. Il “contrafforte”, che era già parzialmente danneggiato, serviva per proteggere dall'erosione il ponte di collegamento con Poggio Torriana, che si trova ad una distanza di circa 150 metri. Tutte le autorità hanno dunque concentrato l'attenzione proprio sul Ponte che è costantemente monitorato. “Al momento - ci ha comunicato il Vice sindaco di Verucchio Luigi Dolcini – sembra reggere alla piena e quindi resta aperto alla circolazione. È la situazione più critica nel riminese anche se l'aumento della portata del deviatore provoca una certa apprensione ed è anche tracimato, allagando le immediate vicinanze, l'invaso a San Giuliano, in prossimità del Ponte di Tiberio. L'accesso pubblico alla zona è stato “bandellato” a scopo precauzionale.

Ma i danni maggiori in Romagna, dell'intensa pioggia caduta ininterrottamente da ieri, si sono registrati nel cesenate, con l'esondazione del fiume Savio. Le acque hanno sommerso i binari della ferrovia, causando l'interruzione della circolazione dei treni – sulla tratta Rimini- Bologna - fin da questa mattina. I treni sono stati deviati, via Ravenna, ma hanno accumulato ingentissimi ritardi. A Cesena, dove domani le scuole di ogni ordine e grado rimarranno chiuse, interrotta anche la viabilità della Secante.

15 persone sono rimaste isolate a Mercato Saraceno, tre a Bagno di Romagna e due famiglie a Modigliana. In zona “Pontescolle” un anziano e la sua badante sono stati evacuati e non si escludono altre evacuazioni. Ad evitare guai anche peggiori io costante impegno della Protezione Civile Regionale e dei comuni coinvolti che hanno potuto contare sull'aiuto di 200 volontari, dislocati tra le province di Modena e Rimini. Si teme anche per il dissesto idrogeologico, anche se finora gli smottamenti sono stati limitati. L'allerta meteo di colore rosso, intanto, riguarderà anche l'intera giornata di domani. Attesa altra pioggia e sulla costa vento di bora, con raffiche fino a 90 all'ora.