Logo San Marino RTV

Maltempo e rischio idrogeologico, tra emergenza e incuria

5 nov 2018
La casa di Casteldaccia
La casa di Casteldaccia
Era abusiva e doveva essere demolita la casa di Casteldaccia nel palermitano dove a causa dell'esondazione di un corso d'acqua ingrossato dalla pioggia sono morte 9 persone, tra cui 2 bambini. Oggi lutto cittadino a Palermo mentre proseguono le ricerche di un medico disperso a Corleone. Dodici in tutto le vittime del maltempo ieri sull'isola, 30 in tutt'Italia in una settimana.

Oggi allerta arancione per Piemonte, Emilia Romagna, Lazio e Veneto, regione quest'ultima che ha pagato un tributo molto alto: nel bellunese 100 mila ettari di bosco sono stati spazzati via, e le frane hanno isolato interi paesi. L'ondata di maltempo ha rivelato le fragilità dell'Italia, impreparata al mutamento climatico. Secondo l'ultima fotografia Ispra 7.275 comuni, il 91% del totale, sono a rischio per frane o alluvioni e circa 7,5 milioni di abitanti vivono o lavorano in aree a rischio frane o alluvioni. Su scala nazionale addirittura il 13% delle famiglie italiane vive in aree a rischio idrogeologico. Una gestione dissennata - è la denuncia di Legambiente - che espone al rischio milioni di persone.