Logo San Marino RTV

Meeting 'truffa' a Rimini, 400 sanzionati per norme Covid

6 apr 2021
@massimomonacci
@massimomonacci

Circa 400 persone, un piccolo esercito di aspiranti manager, sono state sorprese dalla Guardia di Finanza, riunite in una convention non permessa dalle norme anti Covid, questa mattina intorno alle 9.30, in un capannone della zona industriale di Rimini, in via Galla Placidia. La Guardia di Finanza di Rimini, su richiesta del pm Davide Ercolani, ha perquisito gli uffici della concessionaria di Rimini, autorizzata Vitha Group Spa, di cui i due titolari, un residente ad Ascoli Piceno e un riminese, di 50 e 41 anni, sono indagati per truffa. Gli aspiranti manager, quando sono arrivati i finanzieri per la perquisizione, eseguita con Polizia di Stato, carabinieri ed esercito italiano, stavano svolgendo il meeting necessario ad essere ammessi nell'azienda di vendita multilivello che sarebbe il primo passo per essere 'affiliati' e iniziare a guadagnare.




Secondo invece le denunce raccolte dalla Procura quei meeting nasconderebbero una truffa ai candidati costretti ad acquistare i prodotti della società per poter accedere al primo livello. Tutti i partecipanti, il conteggio definitivo è in corso, sono stati identificati e sanzionati per violazione della normativa Covid. L'indagine sulla società multilivello sarebbe scaturita da alcune denunce. Secondo gli investigatori, infatti, giovani in cerca di occupazione, attratti dall'illusione di diventare manager con guadagni altissimi in breve tempo, diventano loro stessi acquirenti dei prodotti che avrebbero dovuto vendere, spesso con contestuale ricorso a finanziamenti e debiti. Sentendosi raggirati, nei giorni scorsi, quattro di questi giovani si erano rivolti alla Guardia di Finanza segnalando anche l'imminente meeting di formazione in calendario a Rimini.




Riproduzione riservata ©