Logo San Marino RTV

Mes, M5s annuncia l'intesa: “Siamo soddisfatti”

11 dic 2019
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

"Accordo intorno alle 2.30", fanno sapere fonti del Movimento 5 stelle. Intesa dunque nella notte sul Mes, il fondo salva Stati. "Confermata - spiegano - la logica del pacchetto. Siamo soddisfatti per la risoluzione di maggioranza che prevede le modifiche richieste dal Movimento". Oggi la prova in Aula sia alla Camera che in Senato con l'informativa del premier Giuseppe Conte. Si parte da Montecitorio. Intanto le stesse fonti M5s precisano che "la logica di pacchetto è stata confermata, ci sarà un nuovo round in Parlamento a gennaio, prima del prossimo Eurogruppo". Le stesse fonti garantiscono che "ci sarà il pieno coinvolgimento del Parlamento prima dei prossimi passi. Ogni decisione verrà presa ascoltando le Camere, non firmeremo nulla al buio".

La risoluzione di maggioranza sul Mes prevede anche un impegno del governo sul fronte dell'ambiente e della lotta ai cambiamenti climatici. Tra gli impegni sollecitati, c'è quello di "promuovere, nell'interesse dell'Italia e degli altri Stati membri, riforme concrete da realizzare nel quadro dell'azione europea per il clima che garantiscano una crescita economica sostenibile e socialmente inclusiva", si legge nel testo definitivo. Inoltre si chiede di "sostenere una strategia a lungo termine in materia di cambiamenti climatici in grado di: mantenere alta l'ambizione e l'efficacia dell'azione per conseguire gli obiettivi ambientali, anche attraverso lo scorporo mirato dei relativi investimenti pubblici dalle regole del patto di stabilità e crescita" e di "gestire la transizione industriale rimuovendo le situazioni di dumping sociale e fiscale".

Riprende in mattinata in commissione anche l'esame della legge di Bilancio. Tra le ultime norme approvate, un aumento dei fondi contro lo spaccio e più fondi per gli orfani dei femminicidi. Stop allo sconto in fattura per chi effettua lavori che danno diritto a ecobonus o sismabonus. Si valutano aiuti per i lavoratori dell'ex Ilva.