Logo San Marino RTV

Ok al decreto crescita, il governo italiano punta alle quattro "i"

Approvato anche il "Salva-Roma", ma a metà: l'ultima parola spetterà al Parlamento

di Francesca Biliotti
24 apr 2019
Dibattito sulle celebrazioni del 25 aprileOk al decreto crescita, il governo italiano punta alle quattro "i"
Ok al decreto crescita, il governo italiano punta alle quattro "i"

Un Consiglio dei Ministri iniziato in forte ritardo, e concluso ben oltre la mezzanotte. I resoconti di stampa parlano di scontro, anzi di rissa, tra Lega e 5Stelle, con la prima che avrebbe avuto la meglio sulla norma cosiddetta “Salva-Roma”: ne ha ottenuto lo stralcio dal decreto crescita, proprio come voleva Matteo Salvini, ed ora spetterà al Parlamento completarla. Il maxi debito pregresso della Capitale fu innescato dal governo Berlusconi, al cui fianco c'era proprio la Lega, e Alemanno era sindaco di Roma: fino al 2021 è gestito da un commissario, poi dovrebbe essere lo Stato a coprirlo, rinegoziandolo. Intanto il presidente Conte, dipinto come “furibondo” da alcuni retroscena per le dichiarazioni rilasciate da Salvini ancor prima che la riunione avesse inizio, affida la propria soddisfazione a Facebook per aver approvato il decreto crescita, “al termine di una lunga e proficua giornata”, scrive. Secondo il ministero dell'Economia, per rilanciare la crescita il governo punta sulle 4 “i”: investimenti, incentivi, imprese, immobili. Si prevedono 500 milioni di stanziamenti anche per i Comuni, oltre che per le opere, mentre il decreto aumenta la deducibilità dell'Imu per gli immobili delle imprese e semplifica la mini-Ires puntando ad una riduzione dell'aliquota. Si inasprisce però la polemica politica, dopo l'annuncio di alcuni ministri leghisti di non partecipare alle celebrazioni del 25 aprile. “Chi fa politica non può ignorare la storia – ha detto in una intervista la senatrice Liliana Segre, reduce da Auschwitz – Mi chiedo se a una parte della politica non convenga questa diffusa ignoranza. Chi ignora il passato – conclude – è più facilmente plasmabile. E non oppone resistenza”.