Logo San Marino RTV

Omicidio Andy Rocchelli: condannato a 24 anni combattente della Guardia Nazionale ucraina

Da anni la famiglia del fotoreporter pavese chiedeva giustizia. Sul Titano, nel 2014, una mostra fotografica dedicata ai suoi scatti

12 lug 2019
Vitaly Markiv
Vitaly Markiv

La Corte d'Assise di Pavia ha condannato a 24 anni di reclusione Vitaly Markiv: 29enne combattente volontario della Guardia Nazionale ucraina, unico imputato nel processo per l'omicidio del 30enne Andrea Rocchelli. Il fotoreporter pavese venne ucciso nel 2014, nel Donbass, mentre stava effettuando un reportage sulle sofferenze della popolazione civile nel conflitto in corso nell'est dell'Ucraina. Perse la vita anche l'interprete: Andrey Mironov. Il taxi sul quale viaggiavano fu prima investito da una raffica di kalashnikov. Poi, i due, vennero uccisi da una serie di colpi di mortaio. Un altro fotografo – il francese William Roguelon – venne gravemente ferito. “Non posso escludere che l'obiettivo fossero proprio i giornalisti”, disse all'epoca. E la Corte, a quanto pare, avrebbe riconosciuto la veridicità della tesi del tiro intenzionale da parte delle Forze di Kiev, decidendo per una pena superiore a quella richiesta dal PM. La Difesa, dal canto suo, aveva chiesto l'assoluzione. A pochi mesi dalla morte di Rocchelli, San Marino aveva organizzato una mostra fotografica dedicata ai suoi scatti. Presenti anche i parenti del giovane freelance.