Logo San Marino RTV

Rimini, quindicenni violentate in spiaggia: “Non ricordiamo nulla”

Erano state soccorse in coma etilico e hanno ammesso di non essere solite bere

9 lug 2020
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Non ricordano nulla di quanto è accaduto le due minorenni soccorse ubriache qualche sera fa in spiaggia a Rimini. Gli inquirenti stanno ancora cercando di ricostruire la vicenda. Vista la tematica delicata, le due sono state sentite alla presenza di psicologi. Ma “non ricordo” è la loro risposta più frequente. Lo riporta la stampa locale.

Una serata in spiaggia con alcuni amici. Le ragazze bevono. Entrambe, poi, si appartano con uno della comitiva, un sedicenne. Testimoni riferiscono che il ragazzo piaceva a tutte e due. Ma la memoria è confusa, della serata avrebbero raccontato soltanto qualche scena che non ha aiutato gli investigatori. Avevano bevuto e hanno ammesso che non erano solite farlo. Il sedicenne potrebbe essersi approfittato delle circostanze. Le due, una volta soccorse dal 118, infatti, erano in coma etilico.

Dagli accertamenti in ospedale, però, si è scoperto anche che le ragazze, quella sera, avevano avuto un rapporto sessuale, il primo della loro vita, di cui non ricordano nulla. In zona ci sarebbero alcune telecamere ma non avrebbero ripreso direttamente il luogo dove si sono svolti i fatti.

Della vicenda si occuperà la procura minorile di Bologna. Il sedicenne poteva essere consapevole che le ragazze erano completamente ubriache e incapaci, quindi, di capire cosa stava accadendo e di dare il consenso esplicito all'intimità.