Logo San Marino RTV

Sassofeltrio e Montecopiolo: a 12 anni dal referendum è scontro sul distacco dalle Marche

1 mar 2019
MontecopioloSassofeltrio e Montecopiolo: a 12 anni dal referendum è scontro sul distacco dalle Marche
Sassofeltrio e Montecopiolo: a 12 anni dal referendum è scontro sul distacco dalle Marche - Sono state raccolte <strong>474 firme per bloccare il passaggio</strong>.
"Attendiamo fiduciosi l'epilogo di questa vicenda che ha visto tra l'altro i due territori dei Comuni di Sassofeltrio e Montecopiolo penalizzati e trascurati in questi troppi anni di attesa, tranquillizziamo tutti, marchigiani compresi, che noi siamo tornati a casa nostra e che ci stiamo benissimo". Si esprime così l'Associazione Terre dei Malatesta e Montefeltro che vede avvicinarsi il passaggio alla Romagna. Nei prossimi giorni, infatti, la Commissione Affari Costituzionali della Camera e la Commissione Bicamerale Affari Regionali si esprimeranno sulla loro richiesta, a 12 anni dal referendum.

Un distacco che fa seguito a quello del 2009 di 7 comuni della Valmarecchia, Casteldelci, Maiolo, Novafeltria, Pennabilli, San Leo, Sant'Agata Feltria e Talamello, già passati in Romagna.

Intanto sono state raccolte 474 firme per bloccare il passaggio. I promotori della petizione al Presidente della Repubblica: Danilo Grechi, Filippo Prioli, Fabio Traversi e Massimo Tarducci, legandosi anche all'azione dell'assessore regionale delle Marche Bravi, sostengono che la cittadinanza abbia cambiato opinione. In particolare prendendo coscienza delle problematiche riscontrate nel passaggio dei Comuni dell'Alta Valmarecchia.

Sulla vicenda è intervenuto anche Paolo Arrigoni, responsabile della Lega Marche "La perdita di altre due comunità delle Marche, che segue quella del 2009 dei 7 comuni confinanti dell'Alta Val Marecchia, è indubbiamente una pessima notizia ma la Lega Marche non può che rispettare la volontà popolare che, anche in questi giorni, a distanza di 12 anni dai referendum, abbiamo verificato essere ancora confermata dai sindaci e dalla maggioranza dei cittadini".