Logo San Marino RTV

Stalking: 40enne riminese sotto “sorveglianza speciale”, l'uomo minacciava moglie e figlio

21 dic 2019
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Un riminese di 40 anni, accusato di maltrattamenti in famiglia e stalking, è stato sottoposto alla misura preventiva della sorveglianza speciale per la durata di due anni. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Bologna, su proposta del questore di Rimini, dopo una serie di indagini della divisione anticrimine della Polizia. Da tempo, infatti, minacciava e maltrattava la moglie, dalla quale si stava separando, e il figlio minorenne. L'uomo è stato anche sottoposto all'obbligo di soggiorno nel comune di Rimini ed ha ricevuto il divieto di avvicinarsi ai luoghi frequentati abitualmente dalla ex moglie e dai figli.

Secondo la Questura si tratta della "prima applicazione a Rimini" di un provvedimento di questo tipo, e di "una delle prime misure in Italia". Dalle indagini degli investigatori gli episodi di maltrattamenti sarebbero iniziati nel 2017 e in diverse occasioni il 40enne avrebbe minacciato di morte la moglie. Nonostante la donna avesse abbandonato la casa, l'ex compagno non si voleva rassegnare alla separazione e quindi ha cominciato a pedinarla, molestandola e minacciandola di morte, fino ad essere nuovamente arrestato per stalking. "La misura di prevenzione, in questi casi è adeguata e necessaria - fa sapere la Questura di Rimini - anche in presenza di una contestuale misura cautelare".