Logo San Marino RTV

Verso l'obbligo di aver con sé la mascherina, Bonaccini: “In Emilia-Romagna nessun coprifuoco”

Riunito il Consiglio dei ministri per la proroga dello stato di emergenza e il varo del nuovo Dpcm

7 ott 2020
Verso l'obbligo di aver con sé la mascherina, Bonaccini: “In Emilia-Romagna nessun coprifuoco”

Sono state approvate le misure anti-Covid illustrate martedì dal ministro Roberto Speranza - che impegnano il governo a prorogare lo Stato di emergenza al 31 gennaio 2021. Alla Camera la risoluzione è passata con 253 voti a favore e 3 contrari. L'opposizione non ha votato. Bocciata invece, 250 voti contrari, quella presentata dalle opposizioni.

"Nel Consiglio dei ministri andremo verso una proroga dello stato di emergenza fino al 31 gennaio e proveremo ad individuare misure di cautela in più", ha anticipato il ministro della Giustizia, Alfondo Bonafede, precisando che "siamo in un momento in cui stiamo gestendo questa situazione sanitaria meglio degli altri: non possiamo perdere questo vantaggio. Andiamo verso una maggiore estensione dell'uso della mascherina. Ma valuteremo insieme oggi cosa fare".

Intanto dalla bozza del decreto legge che fornirà la cornice normativa al nuovo Dpcm anti Covid emerge "l'obbligo di avere sempre con sé, al di fuori della propria abitazione, dispositivi di protezione individuale, con possibilità di prevederne l'obbligatorietà dell'utilizzo anche all'aperto allorché si sia in prossimità di altre persone non conviventi, e comunque con salvezza dei protocolli anti-contagio previsti per specifiche attività economiche e produttive, nonché delle linee guida per il consumo di cibi e bevande". Dall'obbligo sono esclusi i bambini sotto i sei anni, chi fa attività motoria e i soggetti con patologie e disabilità non compatibili con l'uso della mascherina.

"Noi certamente no", nessun bisogno di orari 'coprifuoco' a bar e ristoranti in Emilia-Romagna come disposto dalla Campania, ha precisato il presidente dell'Emilia-Romagna Stefano Bonaccini in diretta all'Aria che tira su La7. Nessuna misura del genere, sottolinea Bonaccini, "perché il lavoro di questi mesi è stato duro ma molto efficace e quindi dal punto di vista dell'andamento oggi - per quanto siamo sempre preoccupati, dobbiamo tenere alto il contrasto - non abbiamo necessità di questa misura". La decisione di De Luca, aggiunge, "rientra nell'ambito di quelle misure restrittive che ogni Regione come da sempre può prendere".