Logo San Marino RTV

Brexit: Theresa May pronta a dimettersi in cambio di un via libera al suo accordo

28 mar 2019
Theresa May, foto ansa
Theresa May, foto ansa

La Camera dei Comuni ha bocciato tutte e 8 le proposte parlamentari di piano B sulla Brexit alternative all'accordo di divorzio raggiunto da Theresa May con l'Ue e poi non ratificato Westminster in due successive occasioni. Ogni singola opzione ha ottenuto più no che sì. Le due più votate sono state quella a favore di un referendum bis, con 268 sì, ma 295 no; e quella del conservatore moderato Kenneth Clarke favorevole all'unione doganale, con 264 sì e 272 no, la più vicina alla maggioranza. Intanto la premier Tory si gioca l'ultima carta per ancorare il suo nome a una pagina di storia e offre le sue dimissioni pur di strappare in extremis il via libera all'accordo di divorzio dall'Ue, raggiunto a novembre e bocciato due volte a valanga a Westminster. "Sono pronta a lasciare l'incarico in anticipo pur di assicurare una Brexit ordinata" ha dichiarato ieri in aula Theresa May. Sul versante europeo il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ha affermato che il vertice della scorsa settimana a Bruxelles "non è stato l'ultimo prima delle elezioni europee" ed "è molto probabile" che "ci incontreremo ad aprile per discutere di Brexit" e "sicuramente a Sibiu" in Romania "il 9 maggio per discutere la nostra strategia a lungo termine dell'Ue".