Logo San Marino RTV

Hiroshima: 74 anni dal disastro atomico

“Firmare il trattato per la proibizione degli ordigni nucleari”. Il cuore del discorso del sindaco della città giapponese nel giorno della commemorazione

di Giacomo Barducci
6 ago 2019
la commemorazione
la commemorazione

Questa mattina alle 8:15 il Giappone ha osservato il tradizionale minuto di raccoglimento per commemorare le vittime della bomba atomica sganciata su Hiroshima 74 anni fa, il 6 agosto del 1945. L'ordigno “Little Boy” lanciato dal bombardiere americano “Enola gay” ha causato la morte di circa 140.000 persone, tre giorni dopo è arrivato la seconda bomba sganciata su Nagasaki provocando altre 74.000 vittime.

Circa 50mila le persone presenti alla cerimonia assieme ai rappresentanti di 92 nazioni. Il sindaco di Hiroshima ha invitando i leader del mondo a un maggiore impegno per un processo di pace che porti ad eliminare le armi atomiche, sollecitando il governo di Tokyo a firmare il trattato per la proibizione degli ordigni nucleari.

Lo stesso Giappone, infatti - al pari di Stati Uniti e Russia - non è tra i paesi firmatari dell'intesa ratificata nel luglio 2017 da 122 governi; una decisione contestata dai 146mila “Hibakusha” i sopravvissuti della tragedia nucleare.