Logo San Marino RTV

Idlib: ultimatum di Erdogan a Damasco. Tesi i rapporti fra Ankara e Mosca

Nell'ultima roccaforte jihadista in Siria la situazione resta incandescente; e la telefonata fra Putin ed Erdogan non è riuscita ad allentare le tensioni

12 feb 2020
Ultimatum di Erdogan
Ultimatum di Erdogan

Sembra di essere tornati al 2015, quando caccia turchi abbatterono un velivolo militare russo. E' calato di nuovo il gelo fra Mosca ed Ankara, dopo la decisione di Erdogan di inviare un forte contingente a Idlib. E questo proprio quando i terroristi di Tahrir al Sham, e le altre milizie jihadiste, sembravano sul punto di sgretolarsi. Dopo la totale riconquista dell'autostrada Hama-Aleppo, per i Governativi sembrava quasi fatta. Ma l'intervento turco ha cambiato tutto; con sanguinosi scambi di artiglieria con l'Esercito siriano, ed una spirale di rappresaglie che potrebbe portare alla guerra aperta con Damasco. Putin ed Erdogan, in una telefonata, avrebbero sottolineato la necessità della piena attuazione del memorandum di Sochi, sulle zone di de-escalation. Vari analisti ritengono tuttavia irrealizzabile quell'accordo, non essendo possibile controllare le formazioni qaediste. Vi sono poi troppi interessi contrapposti: da una parte la volontà del Governo siriano di riprendere il pieno controllo dei propri territori; dall'altra l'interesse di Ankara a mantenere un'influenza sull'area, ed impedire l'arrivo di migliaia di combattenti islamisti in rotta. Vi è poi la NATO; interessata – secondo alcuni - ad un lento logoramento della Russia nella polveriera di Idlib. Il Cremlino, del resto, non sembra potersi permettere strappi con la Turchia: troppo importanti le partnership – specie in campo energetico – avviate in questi anni; Mosca, inoltre, punterebbe ancora su un futuro sganciamento di Ankara dall'orbita dell'Alleanza Atlantica. Da qui le aggressive dichiarazioni di Erdogan; come l'ultimatum, all'Esercito siriano, di ritirarsi entro il 1 marzo; se i nostri soldati saranno colpiti – ha aggiunto – colpiremo le Forze di Assad ovunque. E' successo proprio in queste ore, con l'abbattimento di un elicottero a sud-est di Idlib.