Logo San Marino RTV

Riforma del copyright: oggi il voto finale del Parlamento europeo

26 mar 2019
Parlamento europeo. Foto ansa
Parlamento europeo. Foto ansa
Oggi a Strasburgo, dopo tre anni di contrattazione, ci sarà l'ultima tappa per la riforma Ue del diritto d'autore, col giudizio finale del Parlamento europeo. "Un voto storico", secondo gli editori. Ma non scontato, a causa delle divisioni politiche: Lega e M5s dovrebbero marciare compatti per un 'no' alla riforma, mentre Pd e Forza Italia si preparano a votare a favore. Ad appoggiare il "sì" alla normativa anche il Presidente SIAE e grande autore Giulio Rapetti Mogol, i due premi Oscar Ennio Morricone e Nicola Piovani e uno dei più prestigiosi autori italiani, il Maestro Paolo Conte. Secondo Morricone "Questa Direttiva serve a ristabilire che il lavoro creativo deve essere remunerato, così come la storia dei nostri Padri Fondatori ci ha insegnato"

Contraria
invece wikipedia, la cui pagina italiana è rimasta oscurata dalle 8.00 di ieri per 24 ore, lasciando il link ad una pagina che invita tutti i suoi utenti ad attivarsi a sostegno dell'azione dei volontari, con un link per contattare i propri rappresentanti in Parlamento europeo. Secondo l'"enciclopedia libera" la riforma porrà forti limitazioni alla diffusione della conoscenza aperta e alla libertà di espressione in Rete".

Gli articoli più critici secondo wikipedia sono il numero 11 ed il numero 13. Il numero 11 prevede che le piattaforme multimediali come Google e Facebook paghino ai proprietari una somma per i contenuti che utilizzano. La norma riguarderebbe, per i giornali online, anche per le anteprime degli articoli postati nei social network. Secondo l'articolo 13 invece le piattaforme online come youtube dovrebbero accordarsi con le case editrici, discografiche e cinematografiche per dotarsi di servizi che servano a identificare contenuti coperti da copyright.