Logo San Marino RTV

Trattato antimissili INF: anche Mosca sospende l'accordo

2 feb 2019
Vladimir Putin, Sergey Lavrov, Sergei Shoigu (rainews)Trattato antimissili INF: anche Mosca sospende l'accordo
Trattato antimissili INF: anche Mosca sospende l'accordo - Dopo il passo indietro di Washington dal Trattato antimissili INF, anche Mosca sospende la propria p...
“Se i giochi pericolosi tra Russia e Stati Uniti dovessero finire male le conseguenze ricadranno sul Vecchio continente”. E' quanto espresso da un'alta fonte diplomatica UE, a testimonianza dell'apprensione con la quale – in Europa – si assiste a questo braccio di ferro. A dar fuoco alle polveri – ieri – il Segretario di Stato americano Pompeo, che aveva annunciato la sospensione del trattato sui missili nucleari a medio raggio, firmato negli ultimi anni della Guerra Fredda. “E' stato violato impunemente” e “per troppo tempo”, ha accusato la Casa Bianca; dito puntato contro il nuovissimo sistema missilistico 9M729 Novator, che i militari russi – tuttavia – considerano perfettamente legale, avendo un raggio d'azione dichiarato di 480 chilometri. Il Cremlino, anzi, sostene sia stata Washington a violare l'accordo, con il suo “scudo spaziale” nell'Europa dell'Est. Da qui la risposta speculare di Vladimir Putin, che oggi ha annunciato che anche Mosca sospende l'accordo. “La Russia – ha comunque sottolineato - non intende essere trascinata in una nuova corsa agli armamenti”. Secondo vari analisti il vero obiettivo di Donald Trump sarebbe duplice: da una parte allontanare definitivamente i sospetti - provenienti dal “Deep State” - di collusione con il Cremlino; dall'altra avere mani libere per fronteggiare la Cina, non vincolata dal trattato. Washington punterebbe infatti ad un nuovo accordo, che coinvolga più Paesi, e che le consenta di mantenere il primato tecnologico sui rivali; ma Pechino ha già annunciato il proprio “no”. Teoricamente vi sono altri 180 giorni, prima che il ritiro degli Stati Uniti entri in vigore; ma difficilmente si tornerà indietro. Si chiede a Mosca, infatti – sostanzialmente senza alcuna contropartita -, la distruzione verificabile di tutti i suoi sistemi 9M729.