Logo San Marino RTV

Trump annuncia rapporto sui legami fra Covid-19 e Cina. L'OMS: "Nessuna prova sull'origine in laboratorio"

5 mag 2020
Donald Trump e Mike Pompeo (Ansa)
Donald Trump e Mike Pompeo (Ansa)

Dopo le tesi del Segretario Mike Pompeo in merito all'origine del Covid-19 in un laboratorio cinese Trump annuncia un rapporto a breve sul coronavirus e la Cina. "Penso che i cinesi" abbiano fatto un errore: hanno cercato di nasconderlo ma non ci sono riusciti", afferma il presidente americano, precisando che la Cina ha consentito che il coronavirus si diffondesse "nel nostro Paese e in altri paesi. Xi Jinping è un brava persona ma non sarebbe mai dovuto accadere". Dal Pechino al momento non arrivano reazioni ufficiali, ma il "Quotidiano del Popolo", organo di stampa del Partito Comunista cinese chiede a Pompeo di mostrare al mondo le prove di quanto affermato, "specialmente al pubblico americano che continua a cercare di ingannare". "La verità - si legge sul giornale - è che il segretario di stato stava solo bluffando: non c’è nulla che dimostri quanto ha detto”.

Sul tema arriva il commento del capo del programma di emergenze sanitarie dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, Mike Ryan. "Possiamo imparare dagli scienziati cinesi e scambiarci conoscenze" ma se questo "diventa un'indagine aggressiva verso un comportamento sbagliato allora è un problema politico, non scientifico. La scienza dev'essere al centro e una ricerca su basi scientifiche sulle origini del virus sarebbe di beneficio per tutti". Interviene, ancora dall'OMS, la dottoressa Maria Van Kerkhove. "Da tutte le prove viste, più di 15.000 sequenze genetiche - dichiara . ritengo che questo virus sia di origine animale". "C'è un legame coi pipistrelli - ha detto -, dobbiamo capire l'ospite intermedio".

Anche il massimo esperto americano di malattie infettive e membro della task force della Casa Bianca Anthony Fauci, come la maggior parte della comunità scientifica internazionale, non crede alla possibilità che il coronavirus provenga da un laboratorio cinese. "Se si guarda all'evoluzione del virus nei pipistrelli e a cosa c'è là fuori adesso, - dichiara in un'intervista a National Geographic - le prove scientifiche vanno fortemente nella direzione che il virus non avrebbe potuto essere manipolato artificialmente o deliberatamente". Secondo Fauci, "guardando all'evoluzione nel tempo tutto indica fortemente che questo virus si è evoluto in natura e poi ha saltato specie".

Dall'Italia è intervenuto stamane a riguardo il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini. "Penso che condivisone e circolazione di informazioni sul virus - dichiara in un'intervista a Repubblica - siano essenziali per consentire al mondo di reagire alla pandemia con un'azione adeguata. E alla comunità scientifica di lavorare alle cure. Non possono esserci zone d'ombra, opacità o mancanza di trasparenza".