Logo San Marino RTV

Ucraina: al primo turno delle presidenziali si impone Zelensky. Poroshenko punta su un dibattito in vista del ballottaggio

La corrispondenza di Victoria Polishuk sul voto in Ucraina. In Slovacchia, invece, Zuzana Caputova è stata eletta prima presidente donna del Paese con il 58% di preferenze

1 apr 2019
Victoria PolishukUcraina: al primo turno delle presidenziali si impone Zelensky. Poroshenko punta su un dibattito in vista del ballottaggio
Ucraina: al primo turno delle presidenziali si impone Zelensky. Poroshenko punta su un dibattito in vista del ballottaggio - La corrispondenza di Victoria Polishuk sul voto in Ucraina.

Il primo turno delle elezioni presidenziali ucraine è terminato. Secondo la Commissione Elettorale Centrale, l'affluenza alle urne, ieri, è stata superiore al 63%. La maggiore percentuale di votanti nella Regione di Lviv. Anche i cittadini ucraini all'estero hanno mostrato grande interesse nelle elezioni. In particolare in Bielorussia e nei Paesi baltici. In Germania sono state aperte 5 stazioni di voto e quasi 17.000 votanti si sono registrati. La gente ha atteso pazientemente in fila. Dunque, secondo le stime più recenti, Volodymyr Zelensky ha ricevuto circa il 30% di preferenze, Petro Poroshenko circa la metà con il 17%. E Yulia Tymoshenko poco più del 13%. Dunque si terrà il previsto secondo turno. Fra 3 settimane l'attuale Presidente, che è stato in carica per 5 anni, si sfiderà con l'attore che ha interpretato il ruolo di capo di stato ideale nella serie che è andata in onda in questi anni. Già oggi Petro Poroshenko ha promesso di iniziare la lotta per la vittoria. E una delle componenti della tattica di Poroshenko è quella di un dibattito con il politicamente inesperto Zelensky, che ha promesso di tenere. Nel quartier generale di Zelensky la proposta è stata accettata, nonostante si sottolinei come non si veda il significato di questo dibattito. Di conseguenza ci si chiede se effettivamente si terrà. Zelensky è in vantaggio nel sud e nell'est, e il suo successo nelle città universitarie di Kyiv e Kharkiv suggerisce che la voglia di volti nuovi sia realmente grande. Così nei prossimi 20 giorni ci si aspetta una sorta di guerra di compromessi nascosti.