Logo San Marino RTV

Ucraina: cresce l'attesa in vista del dibattito fra i due candidati in lotta per le Presidenziali

Il dibattito tra Petro Poroshenko e Vladimir Zelensky si terrà allo Stadio Olimpico di Kiev il 19 aprile. La corrispondenza di Viktoria Polischuk

6 apr 2019
La corrispondenza di Viktoria PolischukPOLISCHUK__06042019_OK
POLISCHUK__06042019_OK

“Se la politica è uno show, allora l'Ucraina è un dramma surrealistico”, simili titoli, sulla battaglia politica in Ucraina, sono comparsi sulla stampa estera. Come è noto, lunedì, il comico Vladimir Zelensky, e l'attuale Presidente Petro Poroshenko, sono arrivati al secondo turno delle elezioni, avendo raggiunto rispettivamente il 30 ed il 16% dei consensi. Quella stessa notte Poroschenko aveva invitato lo sfidante ad un dibattito televisivo, e quest'ultimo aveva accettato. Ma il mattino seguente ha iniziato ad esitare. Improvvisamente, mercoledì, ha invitato Petro Poroshenko allo Stadio Olimpico Nazionale, perché – a suo avviso – il dibattito si sarebbe dovuto tenere di fronte ai cittadini ucraini e a tutti i giornalisti interessati. Tra le condizioni fissate per il dibattito, Zelensky ha preteso che entrambi i candidati si sottoponessero a test medici. Nell'arco di 9 ore l'attuale Presidente ha raccolto la sfida. E venerdì, al centro medico dell'”Olimpico”, ha affrontato i test del caso. Zelensky si è rivolto invece ad una clinica privata, il cui responsabile non nasconde il suo sostegno al candidato. In base ai dati preliminari, circa 1 milione di dollari verrà speso nel dibattito tra i candidati alla Presidenza allo Stadio Olimpico NSC. Al momento si discutono varie opzioni per gli allestimenti, l'installazione di luci ed impianti di amplificazione, e le misure di sicurezza. E' uno dei più grandi stadi d'Europa, con una capienza di 70.000 persone. La Commissione Elettorale Centrale ha stabilito che il dibattito all'”Olimpico”, essendo una forma di campagna elettorale, dovrà essere pagato con i fondi dei due candidati. L'opinione degli ucraini, su questa idea, non è univoca. Alcuni la considerano una manifestazione di democrazia; altri non comprendono tali sprechi in tempi di guerra. Il dibattito è stato fissato per il 19 aprile.