Logo San Marino RTV

Accordo di Associazione: al tavolo del negoziato, San Marino, Ue e Italia

Sul tema del "T2" era presente anche una delegazione italiana. Obiettivo entro giugno: parafatura o dichiarazione politica

di Luca Salvatori
15 mag 2019
Da Bruxelles il Segretario Renzi
Da Bruxelles il Segretario Renzi

Tornata negoziale supplementare a Bruxelles per l'accordo di Associazione con l'Unione Europea. A guidare la delegazione sammarinese il Segretario agli Esteri Nicola Renzi. Ad un incontro ha partecipato anche l'Italia.

Si intensificano gli incontri per l'accordo di associazione con l'Ue. Questa volta a Bruxelles non c'erano le delegazioni degli altri due piccoli stati ma solo quelle di San Marino e dell'Unione Europea. E su un tema specifico agli incontri ha partecipato anche l'Italia: “Sul T2 – dichiara il Segretario Renzi – era presente anche una delegazione italiana. Segno che l'accordo di associazione viene visto, non solo da noi, ma anche dalla parte italiana, come un'utile chiave di volta per risolvere questioni annose”. La prossima tornata negoziale con l'Unione Europea, a cui parteciperanno anche Andorra e Monaco è calendarizzata ad inizio giugno. Poi potrebbe essercene un'altra, a metà mese, solo tra Ue e San Marino. Gli incontri negoziali si infittiscono anche perché la stessa Unione Europea ha manifestato l'interesse ad arrivare ad una tappa fondamentale del negoziato, entro fine giugno: “Come giustamente è emerso dall'ordine del giorno votato all'unanimità dal Consiglio, le opzioni – commenta Renzi – sono due: la parafatura di un testo oppure una dichiarazione politica che riassuma ciò che abbiamo fatto finora. Va da sé che la Repubblica di San Marino non potrà parafare un testo o non potrà sottoscrivere una dichiarazione politica che non contenga alcuni dei temi più importanti: il T2, il sistema bancario e finanziario, clausole di salvaguardia sulla libertà di stabilimento delle persone fisiche e la libera circolazione dei lavoratori”.