Logo San Marino RTV

Accordo sull'indennità di malattia: 100% a chi è impegnato nell'emergenza

Si riconosce l'infortunio professionale con retroattività per Iss, Protezione Civile e volontari

di Monica Fabbri
28 apr 2020
Accordo sull'indennità di malattia: 100% a chi è impegnato nell'emergenza

In Consiglio maggioranza ed opposizione trovano la sintesi sull'indennità di malattia. Era stata erogata, per un periodo, in misura ridotta, sollevando le forti critiche del sindacato. Repubblica Futura presenta un emendamento sul quale l'Aula si confronta fino ad arrivare ad una sintesi. Per le malattie comuni l'indennità economica è corrisposta, per tutta la durata dell'emergenza e non oltre il 31 dicembre, nella misura del 60% per i primi 14 giorni e  successivamente dell'86%. Al 100% - invece - per infortuni sul lavoro e gravidanza. Qualora la lavoratrice gestante stia effettuando o possa effettuare lo smart working, può accedere all'indennità economica per inabilità temporanea al lavoro.

L'indennità economica temporanea per operatori Iss, Protezione Civile, forze di polizia, volontari e figure professionali strettamente coinvolte nella gestione dell'emergenza, è corrisposta a titolo di infortunio professionale al 100% dalla data dell'esito positivo del test al Covid. “Il riconoscimento della malattia professionale non vale quindi solo da oggi – chiarisce Denise Bronzetti – ma parte da quando viene riconosciuto che si tratta di Coronavirus”. Per i malati oncologici e con patologie croniche, infine, è dato mandato al Congresso di emanare apposito regolamento per garantire il trattamento economico previgente rispetto al Decreto. Soddisfazione bipartisan per la piena condivisione su un diritto sospeso nel corso dell'esplosione dell'emergenza e oggetto di confronto con le parti sociali.  L'articolo 35 Bis viene approvato all'unanimità.