Logo San Marino RTV

Articolo 7: la Consulta ricorre alla Magistratura

5 ott 2004
La 25esima consulta dei sammarinesi residenti all’estero, si chiude con un colpo di scena: le comunità annunciano il ricorso alla magistratura per l’abrogazione dell’art 7 della legge sulla cittadinanza che prevede che i sammarinesi all’estero neomaggiorenni possano votare solo se risiedono per almeno un anno a San Marino. La Consulta per ottenerne l’abolizione ora si rivolgera’ ad un pool di avvocati idipendenti che preparera’ un ricorso giudiziario. La decisione finale, verosimilmente, sarà del Collegio dei Garanti. Il ricorso verra’ presentato dopo la definzione della lista degli aventi diritto al voto e quindi non prima di febbario 2005. Ad annunciare l’iniziativa, Anna Maria Ceccoli, dell’ufficio di presidenza, all’apertura pomeridiana dei lavori. I delegati hanno poi preso in esame la mozione conclusiva che e’ stata approvata all’unanimita’. Questi i punti cardine del doumento: il superamento dell’art 7 della legge sulla cittadinanza; contrarieta’ della maggioranza dei delegati all’istituzione di un distinto collegio estero; esercizio del voto anche per via telematica o per corrispondenza; apprezzamento per la disponibilita del governo e delle forze politiche ad ammettere la consulta al tavolo per la riforma elettorale; no all’obbligo di opzione tra cariche sociali nelle comunita’ e cariche diplomatiche. Accolta con favore l’eliminazione di ogni discriminazione tra uomo e donna nell’ordinamento sammarinese.
La consulta ha anche confermato, in accordo con la direzione della San Marino rtv, l’intenzione di collaborare ad un telegiornale delle comunita’ all’estero. A conclusione dell’assemblea pomeridiana i rappresentanti delle comunita’ estere hanno visitato la mostra fotografica di Leonardo Casali, sui sammarinesi nel mondo.