Logo San Marino RTV

C'è l'accordo: in Consiglio comma unico su Commissioni d'Inchiesta e Legge banche

La politica lavora ad un emendamento che unifichi le due Commissioni. Si partirà dall'inchiesta sul Cis e, a seguire, le altre crisi bancarie. Ieri, in casa di RF, il confronto della maggioranza sulle soluzioni

di Monica Fabbri
13 giu 2019
C'è l'accordo: in Consiglio comma unico su Commissioni d'Inchiesta e Legge banche
C'è l'accordo: in Consiglio comma unico su Commissioni d'Inchiesta e Legge banche

Dopo giorni di polemiche e scontri a distanza, la politica dà prova di maturità e ritrova la via del dialogo. L'accordo arriva nel giro di un paio d'ore. Ieri sera, in Casa di Repubblica Futura, in una pre consiliare partecipata, la maggioranza si confrontava sulle soluzioni da portare al tavolo con un caposaldo: approvare, in Consiglio, la legge sulle crisi bancarie. Oggi, in Ufficio di Presidenza, si trova la mediazione. Il Consiglio Straordinario si riunirà tutta la giornata di domani e potrà proseguire ad oltranza. Il comma è unico e suddiviso in due parti: la prima dedicata alle commissioni d'inchiesta di opposizione e maggioranza mentre la seconda al progetto di legge sulle risoluzioni bancarie. Con tempi ridotti, proprio in virtù della condivisione sul testo. L'opposizione spingeva sulla votazione della Commissione sul Cis prima dell'approvazione della legge sulle banche mentre la maggioranza, pronta ad affrontare le due questioni parallelamente, chiedeva una commissione unica. Alla fine il risultato accontenta un po' tutti. Rientrate le tensioni ed emersa la volontà bipartisan di fare chiarezza, la politica trova la quadra anche sulle modalità delle Commissioni d'inchiesta. Si lavora ad un emendamento che le unifichi entrambe, partendo prima dall'indagine sul Cis. Dopo la relazione finale saranno messe sotto esame anche le altre crisi bancarie. C'è inoltre l'impegno che il presidente della Commissione sia di Adesso.sm e che la scelta del magistrato da affiancargli avvenga con la maggioranza dei due terzi. Riguardo ai membri, sarà declinata l'incompatibilità in termini generali, guardando ai conflitti di interesse. In apertura di comma verrà votata la procedura d'urgenza per tutti e tre i progetti. Servono 39 voti e come da accordi fra i capigruppo verrà proposta votazione palese.