Logo San Marino RTV

Cds: bond per ricapitalizzare Carisp e abolita la seconda tranche patrimoniale

23 set 2013
Cds: bond per ricapitalizzare Carisp e abolita la seconda tranche patrimonialeCds: bond per ricapitalizzare Carisp e abolita la seconda tranche patrimoniale
Cds: bond per ricapitalizzare Carisp e abolita la seconda tranche patrimoniale - L'emissione di titoli pubblici servirà a ricapitalizzare Cassa di Risparmio, a fronte della presenta...
L'emissione di titoli pubblici servirà a ricapitalizzare Cassa di Risparmio, a fronte della presentazione da parte della banca di un piano poliennale di recepimento al vaglio di Banca centrale. In funzione all'accoglimento di quel piano diverrà effettivo l'aumento di capitale. I titoli, spiega il segretario Felici, saranno rivolti a soggetti istituzionali e a soggetti vigilati interni, come banche a assicurazioni. "ci aspettiamo che partecipi alla sottoscrizione la stessa cassa, dice Felici, nel frattempo lo stato diventerà padrone dell'istituto nominando la maggioranza del Cda"
Se il fondo non dovesse servire, nella finanziaria 2014 si deciderà la destinazione degli 85 milioni di euro previsti dai bond.
Intanto lo stato ha risparmiato 7 milioni e mezzo di euro e conta di arrivare a 10 entro l'anno, cosa che abolirà la seconda tranche della patrimoniale per il 2013, "come avevamo promesso", prosegue Felici.
Il segretario alla pubblica istruzione rassicura sulla vicenda dei bidelli cuochi, sollevata dal sindacato e da alcune forze politiche. "Non abbiamo intenzione di privatizzare il servizio mense, dice Morganti, semmai riportare sotto lo stato anche quella di Acquaviva, comunque è inevitabile, quando si parla di tagli, intervenire sul personale di scuola e sanità, che rappresenta il 60 per cento dei dipendenti pubblici". Per la scuola sono stati tagliati 18 bidelli, che pero'' hanno ancora una possibilita'' di reintegro. Dipende dagli articoli 5, cioè quelli con un grado di invalidità, che hanno la precedenza. Una riunione con i dirigenti fara' il punto della situazione. Sulla riforma tributaria il congresso risponde a distanza anche ai sindacati gettando acqua sul fuoco. L'unico termine è fissato per il 1° gennaio del 2014 con l'entrata in vigore. Per cui non ci sara'' "nessuna forzatura", per arrivare in commissione con un "testo di sintesi equilibrato". domani sara'' pronta la bozza con le novità frutto degli incontri - annuncia Felici - Non sono sorpreso dalla manifestazioni di queste giorni, ne'' scappo". Ma "per fare ripartire l''economia serve equilibrio tra entrate e uscite. Siamo intervenuti sui tagli e ora spetta alla fiscalita''".