Logo San Marino RTV

Civico 10 passa all'azione e lancia la proposta di una coalizione alternativa alle larghe intese

6 giu 2016
Civico 10Civico 10 passa all'azione e lancia la proposta di una coalizione alternativa alle larghe intese
Civico 10 passa all'azione e lancia la proposta di una coalizione alternativa alle larghe intese - Creare una forte discontinuità con il passato, gettare le basi per una coalizione alternativa, recup...
Creare una forte discontinuità con il passato, gettare le basi per una coalizione alternativa, recuperare il rapporto politica-cittadinanza: in una fase così delicata per il Paese, Civico 10 prende la situazione in mano e rilancia la propria attitudine propositiva per dare una nuova scossa allo scacchiere politico. Il movimento presenta un documento programmatico e apre alle forze che ritiene più credibili - Rete, Repubblica Futura (Ap-Upr) e l'area riformista (Su-Labdem e Psd, Ps escluso) - per costruire un nuovo progetto di cambiamento e riforme. Al via a breve gli incontri bilaterali. “Il perimetro è quello, ma sia l'area riformista, sia Repubblica Futura – fa notare Luca Santolini –sono comunque percorsi in evoluzione, non sappiamo dove porteranno, vanno quindi considerati col beneficio del dubbio. I temi in discussione? Volutamente generici, perché – osserva - Civico non ha la verità in tasca e confida nell'apporto di tutti gli interlocutori. Il Paese lo si cambia solo se si riesce a portare gli altri gruppi verso la convinzione della necessità di un nuovo modo di fare politica, senza per forza fare la guerra a chi non la pensa come noi”. “Basta con i “mucchioni”, noi vogliamo altro - incalza Andrea Zafferani – omogeneità delle linee politiche, mediazioni laddove servano, nuovo metodo”. La conferma di un impegno che Civico si assume di fronte alla collettività. “Pensiamo – aggiunge infatti Franco Santi – che il nostro progetto continui ad essere utile al Paese”. “Non abbiamo paura di esporci alle critiche – sottolinea Mimma Zavoli – vedremo chi sarà disposto a raccogliere la sfida, perché di questo si tratta: uscire da una situazione politica liquida dove imperversano i tatticismi e cambiare passo, con proposte, concretezza, trasparenza e non ultima la spendibilità delle persone”.
Nel video l'intervista a Matteo Ciacci, coordinatore Civico 10.

sp