Logo San Marino RTV

Civico10 bannato da Facebook. Ciacci, "una pagina della nostra storia che rischia di andare perduta"

Intanto prosegue il percorso del movimento verso la Costituente. "I passaggi che dovranno strutturare Libera sono decisivi in termini di metodo, programma e identità. Tre nodi da sciogliere nei tempi dovuti"

di Monica Fabbri
19 giu 2020
Civico10 bannato da Facebook. Ciacci, "una pagina della nostra storia che rischia di andare perduta"
Civico10 bannato da Facebook. Ciacci, "una pagina della nostra storia che rischia di andare perduta"

Ormai è da qualche mese che la sua pagina non compare più sul noto social. Un fulmine a ciel sereno per gli aderenti che, senza preavviso, si sono visti cancellare centinaia di video, comunicati e tutto il materiale raccolto fin dalla nascita del movimento, otto anni fa. Un patrimonio che rischia di andare perduto.

“Un vero peccato” - commenta Matteo Ciacci - “è una pagina ricca di contenuti, della nostra storia, delle iniziative fatte da Civico dal 2012”. Pare ci siano state segnalazioni e anche la violazione della normativa Facebook. “Come movimento – spiega - abbiamo deciso di approfondire dal punto di vista tecnico e denunciare nelle organizzazioni preposte affinché la pagina sia ripristinata quanto prima”.

Sul fronte politico, se prima del Covid Civico10 annunciava di voler riappropriarsi della propria identità, nei mesi della pandemia ha accelerato sulla Costituente di Libera, ed ora si concentra sui prossimi passi. “L'esigenza di riappropriarci della nostra identità era anche funzionale al progetto Libera, perché l'avvio del percorso verso la Costituente dovrà tenere conto dell'identità del nostro movimento, che abbraccia istanze movimentiste, di carattere politico democratiche e liberali, tesi che sentiamo molto vicine come il raccogliere le istanze della cittadinanza che devono essere tenute sempre in considerazione in una organizzazione politica nuova”.

All'orizzonte, dunque, la nascita di un nuovo progetto politico. “Il percorso verrà avviato a breve. Siamo ottimisti perché ci crediamo e ci abbiamo creduto presentandoci insieme alle elezioni. È ovvio che i passaggi che dovranno strutturare Libera sono decisivi in termini di metodo, di programma e di identità. Tre nodi che vanno sciolti nei tempi dovuti e su cui Civico10 insieme alle altre forze politiche darà il suo contributo”.