Logo San Marino RTV

Conclusa “Buon Anno Repubblica”: la festa del movimento politico “Noi Sammarinesi”

3 set 2012
San Marino - Conclusa “Buon Anno Repubblica”: la festa del movimento politico “Noi Sammarinesi”Conclusa “Buon Anno Repubblica”: la festa del movimento politico “Noi Sammarinesi”
Conclusa “Buon Anno Repubblica”: la festa del movimento politico “Noi Sammarinesi” - Conclusa la settima edizione. Ad aprire la serata l’intervento di Marco Arzilli; poi il dibattito su...
Da settimane è l’argomento che domina il dibattito politico. Tutti si attendevano un intervento sul tema delle alleanze, da parte di Marco Arzilli, figura di riferimento di Noi Sammarinesi; le aspettative non sono andate deluse. Il segretario di Stato all’Industria si è innanzitutto detto scettico riguardo al dialogo in corso tra PSD e UPR e circa la possibile entrata in coalizione di questi ultimi. Il Partito dei Socialisti e dei Democratici ha mostrato senso di responsabilità nel suo percorso; ma secondo Arzilli la stessa cosa non potrebbe dirsi dell’Unione per la Repubblica. Critiche piuttosto aspre, poi, nei confronti del Nuovo Partito Socialista, che ha interrotto la collaborazione con il Governo in un momento estremamente delicato per il Paese. Positivo, secondo Arzilli, il ruolo dei movimenti che permettono a vaste fasce della cittadinanza di impegnarsi in politica ed esprimersi. Infine l’annuncio che Noi Sammarinesi “quasi certamente” farà parte della lista a guida DC, visti i numerosi punti di convergenza. A seguire il dibattito dal titolo “Identità inquinata” - sul tema delle infiltrazioni malavitose e del connubio affari-politica - cui hanno preso parte i giornalisti Francesco Bongarrà dell’ANSA, Claudio Antonelli di “Libero” e l’esponente di Noi Sammarinesi Gian Nicola Berti. Si è discusso naturalmente anche della Commissione Antimafia. Tra due settimane la presentazione, in Consiglio, della relazione. "Le liste – ha affermato Berti – dovranno tenere conto di ciò che emergerà. Se qualcuno ha scheletri nell’armadio non può presentarsi".

Gianmarco Morosini