Logo San Marino RTV

Conclusa la conferenza stampa a Roma: "L’atteggiamento del Governo italiano è incomprensibile"

15 giu 2010
San Marino - Conclusa la conferenza stampa a RomaConclusa la conferenza stampa a Roma: "L?atteggiamento del Governo italiano è incomprensibile"
Conclusa la conferenza stampa a Roma: "L?atteggiamento del Governo italiano è incomprensibile"
Nell’incontro con i giornalisti italiani ed internazionali la Repubblica di San Marino ha illustrato tutti i passaggi compiuti sulla strada della trasparenza, per l’adeguamento agli standard internazionali e manifestato il disagio per il mancato riconoscimento proprio del paese confinante, contrariamente a quanto avvenuto invece in campo internazionale. A Roma i Segretari di Stato agli Esteri, alle Finanze, all’Industria e al Turismo sono scesi per sottolineare anche la condivisione unanime da parte del parlamento sammarinese in questo percorso che vede l’appoggio del sistema economico e finanziario della Repubblica. Le mancate risposte da parte italiana vengono definite dal Segretario Mularoni irrispettose del rapporto diplomatico fra due paesi. “Abbiamo compiuto atti importanti in tempi rapidi per adeguarci agli standard e per normalizzare i rapporti con l’Italia. Se non avverrà non sarà per causa nostra”. L’interesse dei giornalisti si è concentrato sostanzialmente sulla riservatezza, il segreto bancario, la collaborazione giudiziaria, le rogatori internazionali. “Non abbiamo nulla da nascondere” hanno spiegato i Segretari di Stato rispondendo ad una domanda sulla lista Anemone. “Il nostro giudice dirigente si è recato a Perugia proprio per dare la massima collaborazione alla magistratura italiana”. Se l’Italia persisterà in questo atteggiamento di chiusura, in questa sorta di embargo commerciale, faremo sentire la nostra voce nelle sedi internazionali, faremo valere le nostre ragioni in quegli organismi che già ci hanno dato atto degli sforzi compiuti”. In merito allo scambio automatico di informazioni e le questioni relative alla retroattività, San Marino fa sapere di avere avanzato la propria proposta: “vorremmo avere l’onore di sederci attorno ad un tavolo ed ascoltare, come in ogni trattativa, la controproposta italiana”. L’auspicio è che prevalga la ragione, un clima di collaborazione. “Non si possono affrontare le distorsioni – spiega Valentini – senza la necessaria cooperazione, senza il dialogo fra gli organismi”.
Nel video le interviste ai Segretari Valentini, Arzilli, Berardi e Mularoni.

Dal nostro inviato Sergio Barducci

Le dichiarazioni dei Segretari Mularoni e Arzilli
Le dichiarazioni del Segretario Valentini