Logo San Marino RTV

Conclusa la Festa dell'Amicizia: il segretario Gatti ribadisce la volontà di privilegiare il dialogo con la Costituente Socialista

22 ago 2011
San Marino - Conclusa la Festa dell'Amicizia: il segretario Gatti ribadisce la volontà di privilegiare il dialogo con la Costituente Socialista
San Marino - Conclusa la Festa dell'Amicizia: il segretario Gatti ribadisce la volontà di privilegiare il dialogo con la Costituente Socialista
Marco Gatti vuole recuperare e riaggregare quelle forze, quelle esperienze e quelle persone che si sono allontanate dal Pdcs formando altri partiti o movimenti. Il Progetto federativo - ha affermato – sta portando buoni frutti. E l’interlocutore principale è l’area socialista. Nps è già parte integrante del Patto per San Marino ma Gatti pensa ad un rapporto privilegiato con il futuro Partito Socialista, ovvero la forza politica che vorrebbero costituire i partiti che aderiscono alla costituente. Al Governo il leader del Pdcs chiede un’azione più chiara perché nel brevissimo periodo venga fissato un incontro bilaterale ai massimi livelli con l’Italia. Ma le parole, pronunciate da Mario Venturini di Ap, proprio alla festa dell’amicizia, sulla politica estera, hanno lasciato amareggiato Marco Gatti. “Quando di fronte ai problemi le forze del patto si disuniscono, indeboliscono il patto stesso” ha osservato il segretario. Pronta la replica di Venturini che sottolinea di non aver attribuito a Valentini le difficoltà dei Rapporti con l’Italia. “Ho solo polemizzato con Paolo Crescentini – precisa Venturini - chiedendogli perché chiede le dimissioni di Antonella Mularoni e non anche quelle di Pasquale Valentini. Il messaggio forte scaturito da quel dibattito – prosegue Venturini - è l’assoluta identità di opinioni fra il sottoscritto, Pasquale Valentini e Luigi Mazza sul presente e sul futuro della nostra coalizione, a cominciare dai rapporti con la Costituente del partito socialista”. Venturini lancia segnali di disgelo anche sul Decreto Mussoni: considera incoraggianti le ultime parole del segretario al lavoro e la sua disponibilità a modificare il decreto.