Logo San Marino RTV

Conferenza Pdcs: per Gatti urge la risposta per uscire dalla crisi

19 feb 2016
Marco GattiConferenza Pdcs: per Gatti urge la risposta per uscire dalla crisi
Conferenza Pdcs: per Gatti urge la risposta per uscire dalla crisi - “Mi aspetto che da questa Conferenza esca una risposta chiara a cosa fare per guidare San Marino fuo...
“Mi aspetto che da questa Conferenza esca una risposta chiara a cosa fare per guidare San Marino fuori dalla crisi”. Non ha dubbi il segretario della DC, Marco Gatti, che questo sia il vero grande tema sul quale concentrare tutte le forze. Evita oculatamente di parlare direttamente di alleanze e di relazioni politiche nel suo intervento di apertura della Conferenza Programmatica, ma fra le righe lascia intendere molte cose. In primo luogo la sua insoddisfazione per il risultato della verifica di maggioranza e per l'atteggiamento degli alleati: “siamo stati capaci di fare squadra – ammette – di affrontare le emergenze e di reagire con proposte ed azioni. Ma non appena si intravvede la luce in fondo al tunnel – si è rammaricato – prevalgono le ragioni di parte, quelle di partito o addirittura quelle dei singoli”. Riconosce, Gatti, i passi in avanti sui punti prioritari: rapporto con l'Unione Europea, sviluppo e occupazione, politiche di bilancio e riorganizzazione della Pubblica Amministrazione, ma ritiene si debba fare di più sul fronte della semplificazione e della sburocratizzazione. Un passaggio inevitabile sulle vicende giudiziarie che “mettono in luce – ha detto stagioni politiche caratterizzate dal prevalere dell’interesse personale su quello collettivo”. Stagioni in cui il Paese è stato fermato nelle scelte e nelle riforme, facendo prevalere il consenso politico per favorire la gestione del “potere”. Poi uno sguardo allo scenario politico, segnato da tentativi di aggregazione che però, a suo giudizio, soccombono al prevalere delle divisioni. Infine un riferimento al futuro nel quale, anche se non esplicitamente, candida la DC ad un ruolo di governo: “chi sarà domani, dopo bene comune – si è chiesto - a prendersi la responsabilità? E cosa proporrà al Paese, e ancora: sarà in grado di mantenere i propositi. Noi – ha concluso vogliamo assumerci questa responsabilità e lo vogliamo fare con aderenza alla realtà e con trasparenza”.

SB