Logo San Marino RTV

Consegnarto documento riguardante giustizia

9 ago 2004
Consegnarto documento riguardante giustizia
E’ un trasversalismo dirompente quello che emerge dalla lettura delle firme poste in calce al documento di denuncia presentato ai Capitani Reggenti. 38 le firme in totale, 15 delle quali appartenenti ad altrettanti esponenti del Consiglio Grande e Generale. Di questi 12 fanno parte dei gruppi di opposizione, tre invece militano nelle file della maggioranza. Fra tutti salta agli occhi quello di Gabriele Gatti, unico consigliere democristiano ad aver sottoscritto l’esposto attraverso il quale, tra l’altro, si chiedono le dimissioni del Segretario Francini, esponente di spicco del suo partito. I rapporti fra Gatti e la dirigenza DC già apparivano piuttosto logori, questa uscita non li migliorerà certo, anzi potrebbe allargare ulteriormente la frattura. Più smorzato potrebbe essere il tono in casa dei Democratici: l’appartenenza dei due consiglieri firmatari, Francesca Michelotti e Alessandro Rossi alla corrente interna di Zona Franca è cosa nota, la loro posizione critica pure, le obiezioni del Segretario Morganti anche. In calce al documento hanno firmato 5 membri del consiglio di direzione e 2 semplici aderenti. Nessuna defezione si evidenzia invece in casa socialista, dove la compagine parlamentare appare, almeno ufficialmente, compatta. Insieme ai consiglieri Rossi e Michelotti diverse firme dei membri del PDD aderenti a Zona Franca, vicino a quella di Gatti 1 membro della direzione democristiana e 4 del consiglio centrale. Per Alleanza Popolare oltre al gruppo consigliare al completo la firma del Coordinatore, Roberto Giorgetti e del presidente Luciano Sansovini. Fra i Popolari, oltre al Consigliere Morri, due membri del direttivo. In casa di AN al Consigliere Sansovini si sono aggiunti Segretario e Presidente, così come Segretario e Vice segretario di Nuova San Marino hanno firmato insieme al consigliere Casali. Firma in calce anche per i due consiglieri di Rifondazione Comunista, da rilevare la condivisione da parte del Cocis, attraverso Fabrizio Stacchini e del Movimento Biancazzurro, con Alberto Selva. Insomma un trasversalismo evidente che non mancherà di far discutere nei prossimi giorni