Logo San Marino RTV

Consiglio: l'aula accetta le dimissioni di Mularoni (upr) e nomina il suo sostituto

12 dic 2014
il giuramento di GiancecchiConsiglio: Giancecchi giura poi tocca al bilancio
Consiglio: Giancecchi giura poi tocca al bilancio - Remo Giancecchi sostituisce Pier Marino Mularoni nelle file dell'Upr, iinziata la maratona sul bilan...
Il consiglio prende atto della conferma a tempo indeterminato dei due giudici sammarinesi, Antonella Volpinari e Fabio Giovagnoli. Una pausa per tornare a parlare delle dimissioni del consigliere dell Unione della Repubblica Pier Marino Mularoni. La Reggenza legge la lettera nella quale spiega il passo indietro per rivolgere la sua attenzione alla difesa della sua persona e della sua dignità. William Giardi lo ringrazia e chiede l'apertura di un comma per la sua sostituzione nelle commissioni. Un dibattito breve, nel quale Mimma Zavoli di C10 chiede che chi ha sbagliato chieda scusa e se ne vada. L'aula vota con 42 favorevoli e 6 contrari. La giunta per le elezioni si è riunita per indicare il suo sostituto nelle file dell'Unione per la Repubblica. Remo Giancecchi, che dopo una esperienza quale membro di giunta, approda per la prima volta in Consiglio.
Ha giurato sui Vangeli, dopo la lettura della formula da parte del Segretario Venturini. "Un ruolo istituzionale - dice il neo consigliere - che ho potuto assumere dopo che il tribunale ha formalmente archiviato la mia posizione, al termine di indagini rigorose". Ringraziando chi gli è stato vicino in questi mesi. L'Upr completa la sua azione di rinnovamento. Dopodiché è iniziato il dibattito sul comma relativo al bilancio. Finanziaria, rendiconto di Banca Centrale e Piano per lo sviluppo. 61 iscritti a parlare con a disposizione 15 minuti ciascuno. La maratona è cominciata. Inizia il segretario Capicchioni : “un bilancio con deficit di 15 mln circa non può definirsi elettorale, dice rispondendo alle critiche “il risultato che ne scaturisce sostiene il sistema pur essendo in periodo di crisi”. Non ci saranno più minimum tax o addizionali, ma è necessario ricostruire liquidità. Insieme ai colleghi poi enuncia il piano di rilancio: con la razionalizzazione degli immobili di proprietà dello stato, permetterà di disdettare contratti locazione passiva. Le priorità sono il polo scolastico, i parcheggi, il polo museale, enuncia il segretario Mularoni, insieme al rafforzamento della politica estera in termini di competenze, aggiunge Valentini. Sull'articolo che mette in vendita fabbricati e terreni inutilizzati, Il segretario al territorio vuole tranquillizzare tutti: cercherò di vigilare sulla dismissione del patrimonio pubblico purché privo di interesse per lo stato. Per Città previsti altri interventi per museo filatelico; la volontà di recuperare tutta la parte area ex stazione, "che cercheremo di valorizzare, dice il Segretario al Territorio, Gendarmeria, Carcere e Interpol in un polo sicurezza a Murata. Così come interventi sulle piste ciclabili, collegate all'Italia. Tocca poi a Morganti: "meglio di così non si poteva fare. La scuola ha fatto il suo dovere – riconosce – e guarda al futuro". il Progetto plurilinguismo sta riscuotendo un successo straordinario. Ma lamenta che sono bassi gli stanziamenti a bilancio per la cultura. Il personale sempre più carente, a volte non strutturato".


Nella seduta notturna prosegue il dibattito al comma 5, dedicato alla seconda lettura del bilancio di Previsione dello Stato per l’esercizio finanziario 2015, oltre al riferimento del Congresso di Stato su progetti di sviluppo ed investimenti pubblici. Sono 61 i consiglieri e segretari di Stato iscritti per intervenire.
Il dibattito riprenderà lunedì mattina.

[Agenzia Dire]