Logo San Marino RTV

Dopo la firma, cosa prevede il testo dell'accordo

26 nov 2009
Dopo la firma, cosa prevede il testo dell'accordo
Dopo la firma, cosa prevede il testo dell'accordo
E’ un testo che manderà in pensione le precedenti intese in materia, ovvero l’accordo valutario del ‘91 e l’atto aggiuntivo del ‘94. In 5 punti sono enunciate le regole di collaborazione tra i due paesi nei settori bancario, finanziario ed assicurativo, oltre all’impegno per lo sviluppo e l’integrazione dei due sistemi, nel segno della stabilità e trasparenza. Per le banche sammarinesi si apre la possibilità di accedere direttamente ai sistemi di pagamento dell’area euro; sarà Bankitalia a fissarne i termini, con il consenso della Banca Centrale Europea. Nella prima parte del testo si stabiliscono i principi della collaborazione per la vigilanza e l’attività investigativa, mentre nell’articolo successivo San Marino si impegna per l’adeguamento normativo agli standard europei. Dello scambio di informazioni si tratta nell’articolo 3. Dovrà avvenire senza vincoli di riservatezza e nel termine di dieci giorni dalla richiesta. Fissate anche le forme di collaborazione tra Consob e Banca Centrale, per le operazioni di borsa; tra le Agenzie di Informazione Finanziaria e tra le forze di polizia: Gendarmeria e Nucleo Interforze da una parte, Direzione Antimafia e Guardia di Finanza dall’altra. Tutto finalizzato al contrasto di riciclaggio e operazioni illecite. La verifica sul rispetto delle intese sarà affidata ad una Commissione Mista che valuterà anche eventuali aggiornamenti. L’entrata in vigore è subordinata alle le ratifiche dei rispettivi parlamenti, dopo la firma sull’accordo contro le doppie imposizioni fiscali.

Sergio Barducci