Governo shock, è crisi ancor prima della votazione

21 lug 2008
Palazzo Pubblico
Palazzo Pubblico
Hanno mandato una lettera al segretario del PSD Paride Andreoli per comunicare la loro decisione di lasciare il partito. Fabio Berardi e Nadia Ottaviani daranno vita ad un gruppo autonomo “che opererà – spiegano – secondo le più alte tradizioni del socialismo liberale che il PSD non può più rappresentare e proporre”.
La comunicazione è arrivata come un fulmine a ciel sereno, a poche ore dalla convocazione del Consiglio Grande e Generale che doveva sancire la nascita del nuovo Congresso di Stato. Invece è ancora crisi. La maggioranza, con due consiglieri in meno, non ha più i numeri. “Il PSD – sono le motivazioni scritte da Berardi e Ottaviani – in questi ultimi due anni ha scelto di percorrere con insistenza strade difficili che hanno portato ad una grande instabilità politica, e hanno dato vita a tre formule diverse di Governo che non si sono rivelate in grado di dare risposte concrete ai bisogni del Paese, che per contro, in un momento di grande difficoltà anche a livello internazionale, attende certezze, governabilità, progetti per il futuro e difesa della propria sovranità. Per noi quindi – continuano – il PSD ha perso l’occasione di esercitare con autorevolezza il ruolo di partito di maggioranza relativa, rifiutandosi di dare vita a quel Governo istituzionale di larghe intese che sarebbe stata la soluzione migliore per il Paese. Non possiamo – concludono – condividere strategie politiche riconducibili a mere logiche di potere. Il PSD viene meno agli ideali storici di socialismo riformista che hanno caratterizzato momenti importanti della vita politica e sociale della Repubblica contribuendo a garantire prosperità e solidarietà”.
E sull’evolvere della crisi politica è in corso un Ufficio di Presidenza convocato con urgenza dai Capitani Reggenti.