Logo San Marino RTV

Intervista Savorelli, il Congresso di Stato prepara la denuncia

15 mar 2018
Congresso di stato
Congresso di stato
Il Governo fa quadrato a tutela dell'immagine della Repubblica di San Marino. Immediata reazione, ieri, per voce del segretario di Stato alle Finanze Simone Celli, per respingere con forza le dichiarazioni rilasciate al Corriere della Sera, dell'ex dg di Banca Centrale. In parallelo, il Congresso di Stato, dava mandato all'Avvocatura dello Stato di verificare gli estremi di denuncia a Lorenzo Savorelli. Numerosi gli estremi ritenuti perseguibili e il Congresso di Stato - annuncia il Segretario agli Interni, Guerrino Zanotti - già nella seduta di lunedì, adotterà la delibera per avviare l'iter di denuncia.

Sulla vicenda interviene anche la maggioranza: "Il Dott. Savorelli non è stato sfiduciato per la mancanza di chiarezza sui bilanci delle banche - scrive Adesso.sm - ma anzi proprio su questo aspetto si sono consumate le lotte politiche più difficili facendo prevalere chi era per la trasparenza".
"Savorelli è stato allontanato perché la Repubblica non poteva permettersi di compromettere l'esistenza dell'istituto bancario pubblico mettendo in atto una 'cura' che l'avrebbe reso talmente debole da essere facile preda di capitali esterni, tra l'altro già pronti a muoversi". Per la Maggioranza la perdita del controllo del principale istituto di credito avrebbe significato "la perdita di una parte del proprio territorio". "Il Dott. Savorelli - conclude la nota - questa percezione purtroppo non l'ha mai manifestata".