Logo San Marino RTV

La politica chiede più tempo per il bilancio. Annullato l'Ufficio di Presidenza di domani

C'è l'impegno ad accogliere la procedura d'urgenza. Resta il nodo della presa d'atto della nomina dei due giudici d'appello

di Monica Fabbri
30 ott 2019
Immagine di repertorioLa politica chiede più tempo per il bilancio. Annullato l'Ufficio di Presidenza di domani
La politica chiede più tempo per il bilancio. Annullato l'Ufficio di Presidenza di domani

La presa d'atto dei due giudici d'appello è come una partita a scacchi con mosse e contromosse. Prima c'è stata la conferenza stampa del Dirigente del Tribunale Giovanni Guzzetta con la richiesta alla politica di procedere celermente, poi – nell'ordine – le motivazioni di Caprioli sul rinvio del processo Mazzini; le contestazioni sulle valutazioni dei candidati del professor Barchiesi; la replica di Andrea Morrone, uno dei due giuristi selezionati e - ieri – la lettera dell'altro vincitore, il professor Treggiari, che con toni perentori chiede ai Capitani Reggenti di convocare nel più breve tempo possibile una seduta straordinaria del Consiglio affinché si proceda alla presa d'atto della graduatoria.

In questi giorni si stanno susseguendo incontri ai massimi livelli, con la Reggenza impegnata nel confronto con le parti per venire a capo di una questione che tocca sia la politica che la giustizia e legata a filo doppio al Consiglio. Nel frattempo è stato annullato l'Ufficio di Presidenza di domani.

Decisione arrivata dopo la richiesta alla Reggenza da parte di tutte le forze politiche di spostare la riunione del parlamento, con l'impegno ad accogliere la procedura d'urgenza per l'approvazione del bilancio.

Il tavolo istituzionale, dopo l'analisi dei dati economici e finanziari, sta lavorando per arrivare ad un testo condiviso e blindato, per procedere in Aula in maniera spedita. La politica chiede quindi di convocare un Udp il 6 novembre e il Consiglio dall'11. L'intenzione della Reggenza è approvare il bilancio entro il 13 considerando che la campagna elettorale si apre cinque giorni dopo.

In Ufficio di Presidenza verrà quindi sciolto il nodo dei giudici. Le opzioni sono due: inserire al primo comma la presa d'atto o non inserirla affatto.