Logo San Marino RTV

Libera perde Mis ma spera in un arrivederci. Sulla scorsa legislatura, "i disastri veri li sta facendo questo Governo"

Sulla giustizia convergenze con RF ma "nessun riavvicinamento". Domani a mezzogiorno, intanto, Rossano Fabbri incontrerà la Reggenza per formalizzare la sua uscita

di Monica Fabbri
5 ott 2020
Esponenti di Libera (foto archivio)
Esponenti di Libera (foto archivio)

Libera parla di separazione “consensuale”, con Dalibor Riccardi di RES che spera in un arrivederci, sottolineando l'ottimo rapporto con Mis, partito con il quale continuare a dialogare e condividere posizioni comuni. La frattura, però, era nell'aria: troppe le perplessità – scrive Mis - sulla recente apertura della fase costituente e sui risultati ottenuti dalla lista elettorale che, da progetto, doveva essere contraddistinta “da una chiara e netta presa di distanza dai fautori del disastro che ha contraddistinto la prima fase della scorsa legislatura”. Passaggio, quest'ultimo, che Civico10 e SSD non condividono. “Abbiamo fatto autocritica e proprio per questo abbiamo messo fine alla legislatura. Ma i disastri veri - afferma Luca Boschi - sono quelli dell'attuale Governo. E anche MIS dovrebbe accorgersene”.

In linea Alessandro Bevitori, che rivendica con forza la gestione della seconda parte della legislatura di Adesso.sm, “portata avanti in perfetta continuità da Libera”. Massimo rispetto, invece, per le altre motivazioni che hanno portato Rossano Fabbri ad uscire per diventare Consigliere Indipendente. “Fin dal primo giorno in cui è iniziata la fase Costituente – spiega Boschi - ci siamo detti che il confronto sarebbe stato vero e franco e che quindi era possibile che non tutti arrivassero al traguardo. Evidentemente, MIS ha ritenuto non sostenibili alcune posizioni”. “Non è più rimandabile – spiega Bevitori - la costituzione di un soggetto unitario, abbiamo necessità di accelerare, il momento complesso richiede un'organizzazione politica ben strutturata”. Sulla giustizia, Libera ribadisce di non volersi schierare né da una parte né dall'altra.

E se sul tema c'è convergenza con RF, Boschi esclude un riavvicinamento all'ex alleato. “Siamo concentrati sul fare opposizione dura a questo governo fallimentare – spiega – non abbiamo pregiudizi nei confronti di RF, ma al momento le posizioni su altre tematiche restano lontane”.