Logo San Marino RTV

Liberamente San Marino: "Non spaccheremo il partito"

10 dic 2014
Liberamente San Marino: "Non spaccheremo il partito"
Liberamente San Marino: "Non spaccheremo il partito"
"Liberamente San Marino" replica al capogruppo del suo partito che ieri, ai nostri microfoni, aveva definito "tardiva e avvenuta solo dopo le dimissioni del segretario Celli", la nascita della corrente socialista. Siamo nati per arricchire il dibattito interno e non per spaccare il partito, sottolinea una nota. Le dimissioni di Celli sono una scelta dovuta soprattutto di fronte al grave danno di immagine che ha provato la diffusione dell'ormai celebre video in cui si parla di voti, di consolati e di denaro. Le lotte tra bande, prosegue la nota, le abbiamo viste nelle serate ferragostane in cui alcuni esponenti del partito tentavano una possibile entrata in questo governo delegittimando la proposta della terza via e il segretario stesso.

ST


Comunicato stampa Liberamente San Marino
In merito alle dichiarazioni rilasciate dal Capo Gruppo Consigliare del Partito Socialista Paride Andreoli alla emittente di stato, in cui si definisce la nascita della Corrente Liberamente San Marino “tardiva, avvenuta solo dopo le dimissioni del Segretario Celli”, teniamo a precisare quanto segue:
- La corrente Liberamente San Marino nasce per arricchire il dibattito interno e non per spaccare o dividere il Partito Socialista, infatti pensiamo che nella dialettica democratica debba emergere anche la voce critica ma costruttiva di chi la pensa diversamente sulle diverse tematiche espresse dal Partito.
- La corrente “ Liberamente San Marino “ nasce altresì dal fatto che da circa un anno a questa parte, il partito ha tenuto una posizione ondivaga; prima un opposizione morbida, poi la proposta della terza via ed infine la possibilità di andare a sostenere questo governo oramai moribondo, e questo ha creato incertezza in tanti aderenti, costringendoci così a dare voce anche a questo scontento.
- Le dimissioni dell’ ex segretario Simone Celli sono a nostro avviso una scelta dovuta, soprattutto di fronte al grave danno di immagine che ha provocato al partito socialista la diffusione dell’ormai celebre video in cui si parla di voti, di consolati e di denaro.
Teniamo a precisare, inoltre, che quando si parla di personalismi e di lotte tra bande già viste; non abbiamo ben chiaro le serate ferragostane in cui alcuni esponenti del partito trattavano una possibile entrata in questo governo delegittimando la proposta della terza via e il segretario stesso, magari a sua insaputa; e non abbiamo ancora chiare le buone motivazioni per cui il Partito socialista avrebbe fatto da stampella a questo esecutivo.
In conclusione, ribadiamo limpidamente, ma con forza, la volontà esclusiva della corrente interna al Partito Socialista “ Liberamente San Marino “, di voler perseguire con le più buone intenzioni ma con il massimo rigore, nella direzione di un vero rinnovamento interno al Partito Socialista, che come afferma anche il Capo Gruppo Consigliare Paride Andreoli nella sua intervista a San Marino Rtv, non può avere le caratteristiche di una lotta per fini personalistici o ancor peggio, aggiungiamo noi, non può esplicitarsi attraverso una votazione scientifica “ con il bilancino” nel prossimo Congresso Generale del Partito, come invece è avvenuta, confermata dallo stesso ex Segretario Simone Celli in una sua recente intervista, nell’ ultima assise Congressuale del 19-20-21 Aprile 2013.