Logo San Marino RTV

Mario Monti: "La ripresa arriverà presto"

5 set 2012
Mario Monti: "La ripresa arriverà presto"
Mario Monti: "La ripresa arriverà presto"
Mentre il Consiglio dei ministri vara un cronoprogramma di provvedimenti per la crescita fino a fine legislatura, Mario Monti conferma il proprio ottimismo, malgrado Confindustria preveda un "autunno caldo" e la Cgil confermi lo sciopero generale.
“Se pure non la si vede nei numeri, la ripresa è dentro di noi, è alla portata del nostro paese e credo anche che arriverà presto”, dice il presidente del Consiglio alla vigilia della riunione del Board della Bce che domani assumerà decisioni cruciali per condurre l’Europa fuori dalla crisi. Con il suo pacchetto di provvedimenti, il professore smentisce le voci circolate su possibili elezioni anticipate in gennaio, e crede davvero nella ripresa. Lo conforta il presidente Napolitano, secondo cui lo spread "è assolutamente inspiegabile", perchè il sistema italiano è sano.
E nel primo incontro con le parti sociali della sua “fase due”, a lavoratori ed imprenditori Monti ribadisce che “molto della sorte del Paese è più nelle loro mani che in quelle del governo”. Ma anche la stabilità è necessaria; e per questa, sottolinea il premier, ci vuole “una buona legge elettorale”, chiamando in causa la politica che, però, appare più che mai divisa. Al punto che Berlusconi, al vertice del Pdl di stasera, potrebbe lanciare l’idea di un “blitz” in Senato per una riforma a lui congeniale, scatenando l’ira del Pd.
Ma i democratici, pur sentendosi sicuri di vincere, scontano un duro scontro generazionale interno, oltre a divisioni sulle alleanze con Udc e sinistra radicale, e sulle primarie: oggi sembrano volerle solo Renzi e Bersani, che dice di lavorare per un partito "senza padroni".

Da Roma Francesco Bongarrà