Logo San Marino RTV

Moneyvall, l’incontro a Strasburgo

7 dic 2008
Strasburgo
Strasburgo
I decreti attuativi della nuova legge, sono stati varati ed anche l’agenzia di informazione è operativa ma non è scontato l’ok del Moneyvall per l’ingresso di San Marino nella cosiddetta white list o meglio nella lista dei paesi equivalenti, anche se il Segretario agli Esteri Antonella Mularoni, pochi giorni fa, aveva dichiarato che si poteva presupporre un apprezzamento per quanto fatto finora.
Secondo indiscrezioni nel dossier preparato dal Titano ci sarebbero alcuni punti critici, in particolare i capitoli relativi alle società anonime, alla responsabilità penale delle persone giuridiche e al monitoraggio statistico sui flussi di contante.
La delegazione sammarinese che domani, nel pomeriggio, incontrerà a Strasburgo gli esperti del Moneyvall è composta rappresentanti di banca centrale, membri dell’ agenzia di informazione dai funzionari dei dipartimenti esteri e finanze.
La decisione del Moneyvall è attesa per giovedì. C’è molta attesa sul Titano. L’ok alla normativa sammarinese eliminerebbe lo scoglio della cosiddetta verifica rafforzata negli scambi finanziari con operatori dei paesi già membri della white list, in primis Italia e i 27 dell’Unione Europea. La verifica rafforzata non blocca l’operatività, ma la può rallentare incidendo sulla competitività degli operatori sammarinesi.
L’esame Moneyvall avviene in un momento particolarmente delicato: solo pochi giorni fa l’operazione di controllo a tappeto della guardia di finanza, sul regolamento europeo 1998/2005 in materia di circolazione di denaro contante. Controlli – che è stato detto – potrebbero essere ripetuti a sorpresa con identiche modalità nei giorni e nelle settimane a venire.