Logo San Marino RTV

Opere pubbliche: i piani della Segreteria al Territorio, ecco cosa cambierà

8 ago 2018
Stabiliti gli obiettivi nel documento di quattro pagineOpere pubbliche: i piani della Segreteria al Territorio, ecco cosa cambierà
Opere pubbliche: i piani della Segreteria al Territorio, ecco cosa cambierà - Entro la fine del 2018 sarà presentato in prima lettura il nuovo strumento di pianificazione territo...
In quattro pagine una serie di obiettivi ambiziosi, alcuni dei quali in discussione da anni. Il 2018 dovrebbe essere l'anno della svolta, in base ai piani illustrati nel nuovo programma economico del Governo. Stiamo parlando del capitolo con le priorità della Segreteria al Territorio. I progetti strategici da realizzare vanno dal parcheggio multipiano a Borgo Maggiore al nuovo ospedale, passando per la viabilità.

Il primo intervento citato è proprio il “parcheggione” a Borgo da costruire su più livelli, in parte interrati, vicino alla funivia. L'idea è nell'aria da decenni e nel 2014 si stimava una spesa dai 3,5 ai 4 milioni di euro. Il 30 luglio il Congresso di Stato ha adottato le linee guida per l'emissione di un bando per la progettazione. L'ultima legge di bilancio lo indica tra le “opere prioritarie” da avviare quest'anno, insieme, tra gli altri, al campus scolastico di Fonte dell'Ovo. Per quest'ultimo si ipotizza una spesa di circa 30 milioni di euro, ma sono solo stime teoriche. Il polo ospiterà medie, superiori e cfp; un gruppo di lavoro è all'opera per emettere il bando.

Altra grande struttura è il nuovo ospedale di Stato, anch'esso indicato nella legge di bilancio. La relativa progettazione non è ancora stata affidata e non si esclude il ricorso a capitali privati. Progettazione invece in corso per il nuovo polo servizi che dovrà aprire a Valdragone con la riqualificazione dell'immobile ex Forcellini Carni.

Altro tema discusso è la sicurezza sulle strade, con la chiusura degli attraversamenti pedonali più pericolosi sostituendoli con sottopassi e sovrappassi, il rinnovo dei guardrail e la realizzazione di rotatorie. Ma c'è spazio anche per il tempo libero, con il progetto per una rete di percorsi di 43 chilometri che passerà attorno al monte Titano e attraversa tutti i Castelli. E' solo una parte delle opere programmate, alcune delle quali ancora in fase 'embrionale'.

Mauro Torresi