Logo San Marino RTV

PDCS avvia la verifica di governabilità

17 feb 2006
PDCS avvia la verifica di governabilità
La direzione della Democrazia Cristiana appoggia all’unanimità il proprio segretario e lo incarica di tenere quella verifica di governabilità già annunciata da Menicucci. Incontri con tutte le forze politiche per ragionare sui contenuti, sui programmi, per valutare quanto quelli delle altre forze possano collimare con il progetto ideale della DC. La campagna elettorale si aprirà tra poco e a questo appuntamento il PDCS intende andarci assolutamente libero, senza vincoli politici di alcun genere con alcuna forza. Un messaggio chiaro inviato a più soggetti dell’arco politico, ma anche all’attuale alleato. La Dc considera esaurita l’esperienza del Governo Straordinario e chiusa la fase di emergenza; adesso si deve realizzare un governo politico. Menicucci, a questo proposito, annuncia che il confronto sulla governabilità non sarà solo sulle cose da fare, ma anche su quelle da non fare, sugli aspetti cioè sui quali la DC non intende transigere e che non intende accettare. Valutata positivamente la decisione del PSD di non presentare la legge elettorale in seconda lettura, un testo sul quale la DC aveva già espresso, in più occasioni, la propria contrarietà sia nel metodo, riferendosi all’opportunità di adottare la riforma a fine legislatura, sia di carattere sostanziale, con critiche all’ipotesi di impianto legislativo. “Abbiamo preso atto – dichiara il Segretario democristiano – che qualcuno, all’interno del PSD, ha spinto molto per andare comunque avanti con il progetto nonostante la mancanza di intese in proposito. Sono soddisfatto – aggiunge Menicucci – che la DC esca ancora una volta con una posizione unanime dal confronto in un organismo rappresentativo importante, nel quale tutti hanno portato il loro contributo. E’ la dimostrazione ulteriore – afferma – di una Democrazia Cristiana viva e forte, che si ripropone come partito guida, come forza politica leader, capace di valorizzare le diverse posizioni ma di trovare poi una compattezza che costituisce un vero patrimonio”.