Logo San Marino RTV

Primo confronto dopo le nomine in casa Pdcs

22 dic 2010
Primo confronto dopo le nomine in casa Pdcs
Primo confronto dopo le nomine in casa Pdcs
Qualcuno l’ha chiamata rivoluzione. Qualcun altro un reale rinnovamento. Certo è che il Consiglio Centrale della Dc ha detto no alle logiche di mediazione interna scegliendo un Presidente diverso da quello indicato dai vertici del partito e mandando in direzione, con il doppio dei voti, volti e nomi assolutamente nuovi rispetto ai big. La politica non commenta una vicenda ovviamente interna al partito principale del Patto ma è facile presumere che gli alleati di maggioranza avranno visto con favore una scelta che riconferma e sostiene la linea portata all’ultimo congresso da Pasquale Valentini. Domani il segretario Marco Gatti incontrerà i neo eletto per gli auguri di Natale. Sarà l’occasione per un primo confronto a bocce ferme dopo i commenti, anche pepati, della notte scorsa. L’assise della Dc aveva detto, con chiarezza, che non avrebbe più tollerato voti ballerini in Consiglio. Ed è facile presumere che quanto è accaduto durante la nomina del Presidente di Banca Centrale non sia stato troppo gradito dalla base democristiana, soprattutto quando lo stesso segretario alle Finanze aveva addebitato al suo partito i voti mancanti.

Sonia Tura