Logo San Marino RTV

Dal PSS il sì all'accordo di Governo

12 dic 2003
Dal PSS il sì all'accordo di Governo
L’accordo per il governo dei contenuti passa con un voto compatto anche in casa socialista. La direzione del PSS lo ha approvato con 48 voti su 54 presenti. Un appoggio deciso non solo ai progetti indicati nell’intesa raggiunta con DC e PdD, ma anche all’impostazione politica voluta dalla Segreteria. Nominati, dal parlamentino socialista anche i propri rappresentanti in Congresso di Stato: Fabio Berardi e Paride Andreoli. Berardi salirà a Palazzo Begni, per guidare la Segreteria di Stato per gli Affari Esteri, Andreoli resterà invece al posto di responsabile delle politiche del Turismo e dello sport. Secondo gli accordi intercorsi fra le tre forze che comporranno la nuova coalizione, a queste due deleghe si aggiungeranno anche il Lavoro e la Giustizia, mentre il Commercio verrà accorpato della Segreteria all’Industria. Agli Esteri sarà invece aggiunta la competenza sulle Poste. Soddisfatto del risultato il Segretario, Mauro Chiaruzzi che evidenzia come anche le scelte più difficili possano essere condivise facendo prevalere lo spirito di responsabilità. Il riferimento è, in particolare, alla necessità di ridurre la delegazione socialista in Congresso di Stato di 3 rappresentanti e alla decisione di Fiorenzo Stolfi di fare un passo indietro per affermare l’invocato rinnovamento. Nel corso della riunione il Segretario degli esteri uscente era stato invitato da alcuni esponenti del suo partito a restare al suo posto. “L’obiettivo raggiunto – ha spiegato nel suo intervento – è quello perseguito con tenacia dalla nostra forza politica, alla ricerca di stabilità e governabilità. Gli interessi politici devono prevalere su quelli personali – ha aggiunto – per quel che mi riguarda resterò a disposizione del partito.
Su richiesta della stessa Direzione, Stolfi ricoprirà un ruolo di primo piano nell’organigramma dirigenziale del Partito Socialista Sammarinese, per contribuire – si legge nella nota conclusiva – ad un ulteriore affermazione del processo riformista. Chiaruzzi ha rivolto un ringraziamento a tutti Segretari di Stato uscenti apprezzandone l’azione politica e la capacità di produrre riforme importanti per la vita del Paese.