Logo San Marino RTV

Rapporto deficit-pil, reazione di mercati e Ue: Piazza Affari in negativo e avvertimento da Moscovici

28 set 2018
Rapporto deficit-pil, reazione di mercati e UeRapporto deficit-pil, reazione di mercati e Ue: Piazza Affari in negativo e avvertimento da Moscovici
Rapporto deficit-pil, reazione di mercati e Ue: Piazza Affari in negativo e avvertimento da Moscovici - I mercati e l'Europa reagiscono alle mosse del Governo italiano dopo l'accordo sull'innalzamento del...
La sera prima l'esultanza dei 5 Stelle davanti a Palazzo Chigi, la mattina dopo le turbolenze sui mercati. Le risposte del settore finanziario e dell'Ue non si sono fatte attendere dopo l'intesa nel Governo sul rapporto deficit/pil al 2,4% per tre anni. Borsa di Milano in caduta libera, spread in aumento e moniti da Bruxelles.

Con l'innalzamento al 2,4% si dovrebbero liberare circa 27 miliardi di euro. Soldi importanti per la questione clausole di salvaguardia, quota 100 per le pensioni, lo stanziamento per i risparmiatori colpiti dai crac bancari e, soprattutto, per il reddito di cittadinanza: obiettivo vitale per il Movimento 5 Stelle.

Tra i primi a reagire, il commissario europeo per gli affari economici, Pierre Moscovici, che ha affermato di non avere interesse a una crisi tra Commissione e Italia ma che, allo stesso tempo, ha previsto un deficit strutturale in aumento nella penisola e ha dichiarato: “ogni euro in più per il debito è un euro in meno per autostrade, scuola, giustizia sociale”. Debito francese e italiano non sono paragonabili, ha poi aggiunto. Compatti i vertici dell'esecutivo giallo-verde. "Quando ho assunto la responsabilità di governo – ha risposto il premier Giuseppe Conte - non ho mai pensato di poter fare una manovra sulla base di quanto si potesse aspettare un commissario delle istituzioni Ue".

Il ministro del Lavoro e leader 5 Stelle Luigi di Maio ha parlato di 15 miliardi di investimenti in quel 2,4%. “La nota di aggiornamento è un passo verso la civiltà”, ha dichiarato il ministro dell'Interno e numero uno della Lega Matteo Salvini. Se Bruxelles boccerà la manovra, “noi tiriamo avanti”, ha proseguito Salvini.

A Piazza Affari è stato un venerdì in rosso: l'indice Ftse Mib è arrivato a perdere anche più del 4,5% e ha chiuso a -3,72%. Giornata nera per diverse banche e aziende quotate. Il differenziale Btp-Bund ha sfondato quota 280 per poi scendere a 267. "Non temo" è la risposta di Conte in vista di un'eventuale bocciatura dall'Unione europea.

Mauro Torresi