Logo San Marino RTV

Repubblica Futura sul debito pubblico: "Mancanza di trasparenza inaccettabile"

13 lug 2020
sentiamo Andrea Zafferani
sentiamo Andrea Zafferani

Debito pubblico al centro del ragionamento, tema delicatissimo affrontato anche in una interpellanza. Sara Conti evidenzia subito “la mancanza di trasparenza da parte del Governo non solo verso le forze di opposizione ma nei confronti della cittadinanza tutta”. Disappunto per aver scoperto, tramite dichiarazioni rese dal Segretario Gatti a San Marino Rtv, delle due consulenze realizzate, una con JP Morgan per piazzare i 500 milioni di debito dello Stato ed una con Rothschild, “in passato – sottolineano - demonizzato da Rete ora invece silente”, come advisor con l'Fmi.

“Nulla si sa sui contenuti di questi accordi – fanno notare - non si conosce se esista una delibera che li autorizzi, non si sanno neppure i costi di queste scelte anche se sulla base di elementi intuitivi la cifra complessiva potrebbe aggirarsi sui 7 milioni di euro. Se si pensa poi che in periodo Covid, - continuano - fra i tagli agli stipendi e quelli alle pensioni, si sono recuperati circa 3 milioni e mezzo, i sacrifici dei cittadini non basterebbero a coprire neppure la metà di queste consulenze. Erano così essenziali? - si chiedono – ad oggi non lo sappiamo, ma si potrebbe pensare che qualcuno ci abbia guadagnato qualcosa”. Per RF un'operazione sorretta da errori evidenti.

Ultimo elemento, “la mancanza di un piano da presentare agli investitori che dovranno sottoscrivere il debito ed un progetto Paese che faccia capire come si intenda ripagarlo”. “L'emissione di titoli di debito pubblico sui mercati finanziari - precisano - ci costerà, a fronte di un prestito supposto di 10 anni, non meno di 75 milioni all'anno, fra 25 milioni di interessi e 50 di quota capitale; cifra che sommata ai circa 60 di deficit annuale porta ad un totale di 135 milioni”. La domanda – concludono – è: come si pensa di racimolare come minimo 85 milioni di correzione all'anno?” 

Nel video l'intervista ad Andrea Zafferani, Repubblica Futura.