Logo San Marino RTV

Le residenze al centro dei lavori della Commissione Affari esteri

5 lug 2014
Le residenze al centro dei lavori della Commissione affari esteri
Le residenze al centro dei lavori della Commissione affari esteri
La Commissione affari esteri accoglie,a maggioranza, la proposta di revoca di residenza di un maggiorenne di cittadinanza albanese, a seguito della segnalazione di pericolosità della Gendarmeria. Questa persona era già stata allontanata dall'Italia per i reati commessi ed è responsabile di azioni di violenza nei confronti della propria famiglia a San Marino per cui sono dovute intervenire le forze dell'ordine. Il servizio Interpol si occuperà del rimpatrio del soggetto in Albania. Si è invece acceso il dibattito sulla domanda di residenza presentata, per la seconda volta, dal titolare di una azienda e già respinta lo scorso anno. Nel frattempo il numero dei dipendenti è salito da 1 a 3 ed è stato presentato l'impegno di acquisto di un immobile. E' Rete a contestare la pratica chiedendo perchè si dà la residenza per una azienda partecipata interamente da una società anonima svizzera. Haa che fare con il settore della video sorveglianza, sottolinea Matteo Zeppa domandando se questa società avrà un rapporto esclusivo con San Marino e sottolineando che tra i lavoratori c'è il dipendende di un'altra azienda. Inoltre, ricorda Rete, il decreto sviluppo fissa ad almeno 5 unità i parametri occupazionali. Al Segretario agli esteri non risulta che la società sia collegata alla video sorveglianza sammarinese. Per Pasquale Valentini è evidente che la domanda non ha seguito l'iter previsto dal decreto sviluppo perchè avranno valutato di non averne i requisiti. Questo, aggiunge, pone un problema per gli organi di governo dal momento che oggi esistono due percorsi: uno legato alla legge di sviluppo ed uno a quella sulle residenze. Nel progetto di revisione di quest'ultimo provvedimento, aggiunge, bisognerà distinguere le due modalità. Il presidente della Commissione Marino Riccardi invita a concedere la residenza verificando, come condizione, che siano assunte a tempo indeterminato 3 persone residente e la domanda viene accolta con 8 voti a favore e 5 contrari.

ST