Logo San Marino RTV

Per San Marino: "balzelli, sprechi, clientelismo"

4 giu 2014
Per San Marino: "balzelli, sprechi, clientelismo"
Per San Marino: "balzelli, sprechi, clientelismo"
La disperata ricerca di soldi da parte del governo iniziata con l’aumento delle tasse e delle imposte, con il prelievo di decine di milioni dal Fondo Pensioni, con l’imposta patrimoniale sulla casa, con l’abbattimento dei contributi statali al sistema pensionistico, con la diminuzione delle retribuzioni e delle pensioni, con la restrizione dello stato sociale, è arrivata al balzello di 40 euro sui certificati medici.
La crisi creata dal governo, il clientelismo e lo spreco vengono fatti pagare ai cittadini. I debiti che fa e ha fatto il governo per sostenere la sua base elettorale andranno a carico delle nuove generazioni così come i regali alle banche, ai furboni della monofase e ai fenomeni delle consulenze esterne.
La disastrosa politica economica e finanziaria del governo ha prodotto un debito pubblico enorme, una disoccupazione che coinvolge circa 1.500 cittadini, una emigrazione di giovani sempre più preoccupante, la chiusura di 2.000 imprese, il declino del sistema bancario, la perdita di 35 punti di PIL.
Ora, non si vuole speculare sul balzello di 40 euro per un certificato. Si fa un problema di metodo, di responsabilità e di giustizia sociale. Prima di mettere le mani nelle tasche dei cittadini, si devono eliminare gli sprechi, si deve impostare la sana amministrazione, si devono impedire le ruberie, si deve mettere fine al voto di scambio, si deve governare bene. Se tutto ciò non basta per far quadrare i conti, si può ricorrere al prelievo sui cittadini senza erodere lo stato sociale conquistato negli ultimi 60 anni.
LA PAZIENZA DEI CITTADINI HA UN LIMITE.