Logo San Marino RTV

Sfiducia al Segretario Ugolini: Libera si appella alle "colombe" di maggioranza

Luca Boschi: "Il Governo non incolpi l'opposizione se non riesce a collocare il debito a tassi accettabili. Li avevamo avvertiti ma non ci hanno ascoltato"

di Luca Salvatori
7 ott 2020
Nel servizio l'intervista a Luca Boschi
Nel servizio l'intervista a Luca Boschi

Libera spiega le ragioni della mozione di sfiducia al Segretario di Stato Ugolini e respinge l'accusa di intralciare il Governo nel reperimento del finanziamento internazionale.

È conto alla rovescia per la mozione di sfiducia al Segretario di Stato Massimo Andrea Ugolini anche se, con soli 16 voti di opposizione contro i 42 della maggioranza, Libera è consapevole che non c'è alcuna possibilità di raggiungere concretamente il risultato : “L'obiettivo – dichiara Luca Boschi è che dai banchi della maggioranza possano emergere dei 'distinguo' sempre più forti sulla linea fallimentare tenuta sulla giustizia dal Segretario Ugolini, dalla maggioranza e dal governo”. Libera dunque spera di far uscire allo scoperto quelle che definisce “colombe” ovvero consiglieri di maggioranza che sulla giustizia hanno già espresso posizioni non perfettamente allineate ai cosiddetti “falchi”. Rimarcata l'importanza di quelli che Libera ritiene richiami disattesi, arrivati dal Consiglio D'Europa e dal Commissario Europeo per i Diritti Umani, volti ad inibire qualsiasi interferenza della politica sulla magistratura. Per Eva Guidi ci sono state forzature che compromettono la reputazione internazionale del paese con inevitabili riflessi negativi anche sul piano economico. Espressa stima al nuovo dirigente del Tribunale Giovanni Canzio, con l'auspicio che sappia riportare equilibrio. “Troppi i processi in prescrizione” ha proseguito Eva Guidi secondo la quale il “Conto Mazzini”, il “Caso Titoli”e il “Tavolucci” devono arrivare a conclusione per restituire il maltolto ai cittadini.

Rimandate al mittente le accuse che ieri il Governo ha lanciato all'opposizione.“Non diano a noi la colpa – precisa Luca Boschise non riescono a collocare i titoli del debito pubblico a tassi accettabili. Fin dall'inizio della legislatura abbiamo avvertito il Governo su una serie di sbagli che, secondo noi, stavano compiendo. Ora che questi avvertimenti si sono realizzati è ridicolo che il Governo imputi a noi le sue difficoltà. L'esecutivo – esorta Boschi - si prenda le sue responsabilità presentandosi ai mercati internazionali in maniera seria e coerente”. Libera intanto si prepara al suo primo Congresso che si terrà, salvo cambiamenti dell'ultim'ora, il 13 e 14 novembre.

Nel servizio l'intervista a Luca Boschi, Libera